Martedi, 19 settembre 2017 ore 15:24  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
ISTITUZIONE

Aggiornata l'ordinanza che disciplina le attività consentite durante la stagione balneare

Fissata dal 1 giugno al 30 settembre, la prima dopo la concessione di 5 nuovi lidi

Aggiornata-l-ordinanza-che-disciplina-le-attivit-consentite-durante-la-stagione-balneare
Venerdì 19 Maggio 2017 - 15:15

Pubblicata oggi l'ordinanza che disciplina le attività durante la stagione balneare (fissata dal 1 giugno al 30 settembre) nell'ambito del territorio costiero ricadente nel Comune di Lamezia Terme, compreso tra la Foce del Torrente Piscirò e la Foce del Torrente Turrina.
Se alcune indicazioni son confermate di stagione in stagione da più anni, assumono un nuovo senso anche quelle per i lidi autorizzati (che dovrebbero aumentare di numero dopo l'approvazione di 5 nuove concessioni) previsti sulla costa di competenza comunale (come la segnalazione del limite delle acque interdette alla navigazioni a 150 metri dalla costa, e di quello delle acque sicure a 1,60 metri dal fondale), e la conferma delle restrizioni nelle zone di mare riservate ai bagnanti. L'elenco più accurato è quello sulle prescrizioni sull'uso della spiaggia. Sulla sabbia sarà infatti vietato:

  • permanere e posizionare ombrelloni, sdraio, natanti nella fascia di 5 metri della battigia quale area destinata esclusivamente al libero transito;
  • campeggiare con tende e roulottes;
  • transitare e/o sostare con qualsiasi tipo di veicolo, ad eccezione di quelli destinati alla pulizia delle spiagge e di soccorso;
  • praticare qualsiasi gioco (il gioco del pallone, tennis da spiaggia, pallavolo, bocce) se può derivare danno o molestia alle persone, turbativa alla pubblica quiete nonché nocumento all'igiene dei luoghi, eccetto in luoghi idoneamente autorizzati ed attrezzati;
  • condurre o far permanere qualsiasi tipo di animale, anche se munito di museruola o guinzaglio, ivi compresi quelli utilizzati da fotografi o cineoperatori ad esclusione dei cani di salvataggio al guinzaglio, i cani guida per non vedenti, i cani adibiti a servizio di guardia delle strutture turistico-balneari, durante l'orario di chiusura al pubblico;
  • tenere ad alto volume, radio, juke - box, apparecchi di diffusione sonora;
  • esercitare attività (commercio in forma fissa o itinerante, pubblicità, attività promozionale), organizzare giochi, manifestazioni ricreative spettacoli pirotecnici, senza la prescritta autorizzazione;
  • gettare a mare o sugli arenili rifiuti di ogni genere;
  • utilizzare shampoo, bagnoschiuma, detersivi e prodotti similari;
  • accendere fuochi;
  • introdurre ed usare bombole di gas o altre sostanze infiammabili senza la prescritta autorizzazione;
  • effettuare la pubblicità, sia sulle spiagge che nello specchio acqueo riservato ai bagnanti, mediante la distribuzione di manifesti e lancio degli stessi anche a mezzo di aerei;
  • sorvolare le spiagge e gli adiacenti specchi acquei con qualsiasi tipo di aeromobili o di apparecchio privato e per qualsiasi scopo, a quota inferiore di metri 300 ad eccezione dei mezzi di soccorso e di polizia;
  • esercitare, negli orari compresi tra le 8 e le ore 20 qualsiasi tipo di attività di pesca, se può derivare danno o molestia alle persone. Tale attività potrà essere esercitata in zone di spiaggia libera non frequentata da bagnanti e comunque muniti di apposito permesso alla pesca sportiva

Menzione anche per l'uso dei kite surf, con i divieti dalle 8 alle 20 nell'atterraggio nei tratti di arenile "spiagge libere" ove presenti bagnanti ma anche nei tratti di arenile in concessione per strutture balneari, tranne che nei tratti specificamente segnalati ed autorizzati per la pratica sportiva (in tali tratti i concessionari, appositamente autorizzati, devono avere cura di separare tali aree da quelle destinate ai bagnanti).
Novità è la  disciplina delle aree in concessione per strutture balneari, che potranno essere allestite dal 1° maggio (un mese prima dall'inizio della stagione balneare) e rimosse entro e non oltre il 31 ottobre (un mese dopo il termine della stagione balneare) con l'obbligo, nei giorni festivi e prefestivi di questi determinati periodi, di garantire il servizio di salvataggio, mentre negli altri giorni lo stabilimento resterà aperto soltanto per l'elioterapia e si dovrà issare sul pennone una bandiera rossa ed esporre un apposito cartello, ben visibile agli utenti (redatto in più lingue), con la seguente dicitura: "attenzione - balneazione non sicura per mancanza di apposito servizio di salvataggio".
Ove non risulti assicurato il servizio di salvataggio con almeno un assistente abilitato al salvataggio si procederà alla chiusura d'autorità della struttura fino all'accertamento del ripristino del servizio.
Tra le varie indicazioni le strutture saranno aperte al pubblico per la balneazione dalle 8 alle 20, dovranno esporre all'esterno dell'area in concessione un cartello recante l'indicazione del percorso da seguire per raggiungere la spiaggia libera adiacente all'area in concessione, e garantire l'accesso al mare ai soggetti portatori di handicap con la predisposizione di idonei percorsi perpendicolari alla battigia.
Regolamentato anche l'uso delle piscine, che dovranno essere sorvegliate con le stesse caratteristiche valide per il mare, prevedendo le attività di riempimento e svuotamento durante l'orario di chiusura ai bagnanti e con pulizia e doratura delle acque da effettuare con frequenza giornaliera e nel rispetto delle vigenti disposizioni sanitarie.

g.g.




ULTIMISSIME
Primi 13 tesserati per la Vigor 1919
Sabato 16 Settembre 2017