Giovedi, 19 ottobre 2017 ore 14:57  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
SCUOLA E UNIVERSITA'

I 50 anni di Lamezia Terme materiale didattico per l'istituto professionale di stato per i servizi alberghieri e ristorazione

Presentato il progetto 'scuola e territorio'

I-50-anni-di-Lamezia-Terme-materiale-didattico-per-l-istituto-professionale-di-stato-per-i-servizi-alberghieri-e-ristorazione
Mercoledì 04 Ottobre 2017 - 13:50

Di GIANLUCA GAMBARDELLA
Parte dalla conferenza stampa presso l'istituto professionale di stato per i servizi alberghieri e ristorazione “Luigi Einaudi” il progetto “scuola e territorio”, nato in occasione del 50° anniversario della nascita di Lamezia Terme. Al centro del progetto, che modificherà in parte i programmi di studio delle diverse materie, troveranno spazio l’unità di Lamezia e la promozione del suo territorio da più punti di vista (culturale, geografico, naturalistico, enogastronomico, turistico, servizi e attività produttive presenti, ecc).
Tra le tematiche: L’unificazione dei 3 comuni, le istituzioni del territorio, la letteratura lametina, il novecento - Costabile e i poeti lametini, i principali siti archeologici, culturali, artistici, i servizi sul territorio, la caratterizzazione geomorfologica del lametino; le funzioni degli enti pubblici e privati a supporto del settore economico locale, le terme di Caronte, l’ambiente naturale nel territorio lametino, colture tipiche del territorio; la fiera agricola,  i vini e i liquori del territorio - le case vinicole, i vitigni autoctoni, ricette, preparazione piatti e dolci tipici lametini, le strutture ricettive e le tipologie ristorative sul territorio; la piaga della criminalizzata e  l’educazione alla legalità.
Dopo l'introduzione di Rossana Costantino (dirigente scolastico dell'Ippsar Einaudi), nella relazione Pasquale Roppa (docente Ipssar Einaudi) rimarca come «il progetto coinvolgerà sia gli studenti che i propri genitori, facendo riscoprire loro le bellezze di Lamezia come l'Abbazia Benedettina, il Bastione di Malta, il museo archeologico, il Castello», tracciando così un percorso multidisciplinare «perché anche Lamezia ha una sua letteratura, sue tradizioni anche enogastronomiche, passando poi da percorsi di legalità e di educazione civica legata ai trasporti o servizi esistenti in città. Incontrare i lametini di successo che ci sono nello sport, nella cultura, in tanti settori. Punteremo anche a creare brochure e video di presentazione anche in inglese e francese da mettere a disposizione della promozione della città».
Indicazioni che trovano così il plauso del primo cittadino, Paolo Mascaro: «conoscenza, valorizzazione, approfondimento sono premesse che vanno nell'ottica della promozione del territorio, nato 50 anni fa e che nell'occasione dei festeggiamenti dovremmo interrogarci sul futuro della città. Possa partire da qui una riflessione su cosa non è andato per il meglio e su cosa si dovrà fare meglio: la vostra generazione non può perdere quel treno lanciato da Arturo Perugini come successo per decenni».
L'assessore alla cultura Simone Cicco sviluppa il tema del collegamento tra scuola e territorio, memoria e futuro, il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, loda il progetto di Perugini contestualizzandolo ad attuali iniziative in ambito calabrese, ma non nascondendo che «ancora non esista una piena unità, sia tra quartieri che pensano come realtà a se stanti, né un'idea identitaria di servizi, prodotti enogastronomici, promozione turistica».
Sui lavori in essere alle scuole, tra cui proprio il professionale, Bruno assicura che «in atto c'è un blocco, che però contiamo di superare da subito. Settimana prossima ritornerò con i tecnici per verificare quanto c'è da completare, cercando di dotare per quanto le nostre risorse permettano anche di nuovi arredi la scuola».
Dal presidente del comitato istituito per i festeggiamenti, Basilio Perugini, l'invito ai giovani di «essere responsabili, perché tra di voi potrà esserci il successore dell'attuale giunta o sindaco, ma anche l'essere ambasciatori della città nell'ambito turistico – ricettivo in più lingue», sottolineando che «se in questi 50 anni la politica lametina non è riuscita a far emergere la città come meritava, è anche per le scelte fatte dai cittadini elettori. Anche questa responsabilità andrà ora a voi giovani», posto che nell'auditorium non tutti gli studenti son maggiorenni, quindi elettori, ma rappresentano anche radici culturali diverse.




ULTIMISSIME