Venerdi, 24 ottobre 2014 ore 13:15
     
Notizia

ISTITUZIONE / Un piano di lavoro da 87.000 euro per la polizia locale

Tre i momenti predisposti per sopperire le carenze dell'attuale organico tra interventi mirati ed educazione stradale fino al termine dell'anno.

Sabato 03 Agosto 2013 - 22:0

Il 19 luglio (ma la pubblicazione è di fine mese) è stata determinata dall'attuale dirigente della Polizia Municipale (ovvero il segretario generale, dato il trasferimento fino al 30 settembre del precedente, Zucco, ad altre mansioni) «la predisposizione, la gestione, la realizzazione e la valutazione (che avverrà a metà settembre), in un contesto di strategia concordata con le rappresentanze sindacali, di un piano di lavoro assumendo come elemento determinante l'attività di prevenzione sul territorio ai fini della sicurezza urbana».

Nella relazione allegata, redatta il 1 luglio ed approvata dai sindacati, Pelaia parla di un corpo dei vigili urbani sotto organico e con un'età media molto elevata, non potendo riuscire a garantire al meglio neanche la copertura delle due turnazioni previste poiché più del 25% degli agenti è inabile a coprire tutte le competenze. Non potendo garantire così “occhi vigili”, si punta sulla prevenzione, alla luce anche del fatto che, seguendo un trend di decrescita negli ultimi anni, i decessi per incidente stradale nel 2012 all'interno del territorio comunale sono quasi scomparsi dalle statistiche.

Nella determina si redige così il “piano di lavoro per l'anno 2013 Polizia Locale”, il quale prevede fino al 31 dicembre la partecipazione del personale su base volontaria e si divide in tre momenti distinti, individuando e modulando per ogni singolo momento le risorse economiche necessarie agli obiettivi, comprensive di oneri riflessi (circa 87.000 euro, di cui 10.000 vincolati all'educazione stradale, provenienti da multe a cittadini).

Il primo momento progettuale, per cui sono stanziati 67.000 euro, viene descritto come «finalizzato al conseguimento di un sostanziale misurabile miglioramento della sicurezza urbana e della sicurezza stradale su tutto il territorio comunale attraverso una maggiore presenza della Polizia Municipale in orari mattutini e serali, anche ai fini del monitoraggio, della verifica delle potenzialità e criticità della circolazione in occasione di manifestazioni ed eventi che comunque potrebbero compromettere le ordinarie condizioni di sicurezza della circolazione e del traffico pedonale». A tale scopo si impegneranno circa 40 agenti, ognuno dei quali dovrà garantire 7 giornate lavorative di “straordinari” ricevendo in “bonus” 220 euro al lordo degli oneri (aumentabili a determinate condizioni anche a 400), con un 5% in più per gli ufficiali.

Il secondo momento prevederà 10.000 euro per «incentivare e favorire un controllo del territorio in campo ambientale finalizzato al rispetto di quelle regole di civile convivenza, attuando dettagliati e mirati interventi, atti a scongiurare quei comportamenti di inciviltà come l'abbandono di rifiuti fuori dal cassonetti per la raccolta dei r.s.u. o l'abbandono di rifiuti ingombranti sui margini delle strade al fine di scongiurare le conseguenti ripercussioni sulla sicurezza della circolazione e più in particolare di quella pedonale». Nella relazione viene inoltre etichettata come “emergenze” anche le deiezioni canine ed il controllo delle ordinanze sull'inquinamento acustico o sulla vendita di alcolici o in recipienti non autorizzati in orario notturno, con ogni servizio che sarà remunerato con un gettone di presenza di 130 euro più un 10% di produttività complessiva.

Ultimo punto quello inerente «interventi mirati a fornire all'utenza stradale informazioni utili alla guida, anche attraverso apposite campagne di sensibilizzazione sui temi legati alla sicurezza della circolazione, il rispetto delle regole, ecc. con particolare riferimento agli alunni frequentanti gli istituti di ogni ordine e grado presenti sul territorio».







Altre Notizie