Martedi, 21 gennaio 2020 ore 10:13  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
APPUNTAMENTI

La delicatezza del poco e del niente

Sabato 18 Gennaio 2020

LA DELICATEZZA DEL POCO E DEL NIENTE
di Mariangela Gualtieri
Roberto Latini legge Mariangela Gualtieri
voce Roberto Latini
musiche e suono Gianluca Misiti
luci Max Mugnai
produzione Fortebraccio Teatro

L’attore e regista Roberto Latini, Premio Ubu 2017 come miglior attore, ripercorre in un susseguirsi di letture alcune delle composizioni più intense della poetessa cesenate, fondatrice del Teatro Valdoca, Mariangela Gualtieri. Un rito fatto di voce sola e di musica: è il corpo stesso di Latini a suonare quelle liriche che sanno di spiritualità suadente, di bellezza umana, che si specchia nella bellezza della terra, di profumi soffusi, di amori spezzati, di nostalgie volute, di ferite identiche, di sollievo che viene da un frutto, d’imperturbabilità di Dio, di vegetazione che sospira leggera.

“La delicatezza del poco e del niente è un titolo che ha scelto Mariangela, dopo aver lasciato scegliere a me le poesie: da “Ossicine”, “Voci tempestate”, “Sermone ai cuccioli della mia specie”, “So dare ferite perfette”, “Fuoco centrale”, “Paesaggio con fratello rotto”, alcune delle più belle confidenze della meravigliosa poetessa cesenate, in una serata per voce e musica. Un concerto poetico di parole, lucciole e tenerezze e incanti e quella capacità che hanno i poeti di stare nei silenzi intorno alle parole”. Sono le parole dell’attore e regista Roberto Latini Premio Ubu 2017 come miglior attore che nel lavoro  “La delicatezza del poco e del niente, Roberto Latini legge Mariangela Gualtieri” in scena al Tip Teatro per Ricrii17 sabato 18 gennaio ripercorre in un susseguirsi di letture alcune delle composizioni più intense della poetessa cesenate, fondatrice del Teatro Valdoca, Mariangela Gualtieri.

Un rito fatto di voce sola e di musica: è il corpo stesso di Latini a suonare quelle liriche che sanno di spiritualità suadente, di bellezza umana, che si specchia nella bellezza della terra, di profumi soffusi, di amori spezzati, di nostalgie volute, di ferite identiche, di sollievo che viene da un frutto, d’imperturbabilità di Dio, di vegetazione che sospira leggera. Musiche e suono Gianluca Misiti, luci Max Mugnai, produzione Fortebraccio Teatro. Nella tappa al Tip Teatro di Via Aspromonte Latini incontrerà il pubblico alle 18 con una “conversazione sull’attore”. Lo spettacolo è invece previsto alle 21. 



ALTRI APPUNTAMENTI
Sorsi di città Firenze
Sorsi di città Firenze Giovedì 23 Gennaio 2020
APPUNTAMENTI
Sorsi di città Firenze Giovedì 23 Gennaio 2020