Tra chiusure per le misure anti Covid ed i ritardi del bando Grandi Eventi la cultura calabrese al palo secondo Ruggero Pegna

Il promoter si rivolge al presidente facente funzioni della Regione per palesare le difficoltà del settore

Più informazioni su

Ruggero Pegna, in qualità di promoter, socio fondatore e già dirigente Assomusica e membro della Consulta Ministeriale per lo Spettacolo, si rivolge all’attuale presidente facente funzioni della giunta regionale, Nino Spirlì, rimarcando come «il settore dello spettacolo dal vivo e della produzione culturale ad esso legata è certamente il più colpito dalle misure anti contagio del Covid19. In particolare, quello dei Grandi Eventi è completamente in ginocchio. Si tratta delle aziende e degli operatori che, storicamente, hanno prodotto e assicurato al pubblico calabrese i più prestigiosi e attesi eventi musicali e di spettacolo in genere, contribuendo fortemente all’ispessimento dell’immagine della Calabria e alla sua promozione».

Secondo Pegna «tali operatori che, a proprio rischio, negli ultimi decenni hanno consentito alla Calabria di essere competitiva con le maggiori realtà italiane, almeno in questo settore, portandola nella serie A dello spettacolo e rispondendo, peraltro, alla forte domanda di giovani, cittadini e turisti rivolta ai più importanti eventi nazionali e internazionali, non possono e non devono essere abbandonati alla chiusura delle loro attività. La fine di imprese e operatori che ideano, scrivono e producono grandi eventi, festival, rassegne, sarebbe anche un duro colpo all’occupazione, soprattutto giovanile, essendo un comparto che costruisce professionalità ad alta specializzazione in vari ruoli, offrendo sbocchi occupazionali inediti per la Calabria e di grande interesse per le nuove generazioni: artisti, autori, tecnici, scenografi, light design, backliner, addetti in servizi di ogni tipo».

Si fa così riferimento al bando regionale “Grandi Eventi” di luglio, «già arrivato in ritardo rispetto agli anni precedenti, che potesse, nei limiti delle capienze imposte, dare un sostegno importante alla prosecuzione di Festival già ritenuti Storicizzati, con conseguente aiuto a chi li produce; ma, ad oggi, a 3 mesi dalla scadenza delle domande e a 2 mesi da quella indicata nello stesso Avviso per la pubblicazione delle graduatorie, non c’è alcun riscontro, anzi si è appreso dalla stampa della sostituzione della Commissione esaminatrice delle proposte e del Rup a causa di irregolarità riscontrate, oltre alla seguente sostituzione del Direttore Generale dell’Assessorato competente. I danni prodotti da questo ritardo ai produttori calabresi di tali Festival (ripeto: già riconosciuti Storicizzati dalla Regione Calabria negli anni scorsi), sono enormi. Più in generale, si è assistito all’abolizione della Legge13, che di fatto sosteneva piccole e medie imprese del settore e, al contempo, alla riduzione drastica dei budget indirizzati ai bandi Grandi Eventi e della Cultura in generale. Una riduzione penalizzante proprio per uno dei settori vitali per la crescita di questa Regione e la formazione dei giovani, peraltro nel momento in cui ci sarebbe stato, invece, bisogno di maggiori risorse. Sono certo che ciò non corrisponda alla sua sensibilità verso la Cultura e questo comparto in particolare, le cui molteplici valenze Le sono ben note».

Si contrappongono così gli «esiti a dir poco discutibili» dello spot ideato e diretto da Muccino, «mentre i professionisti calabresi che, con grandissimi sacrifici e difficoltà, hanno deciso di continuare a vivere e operare in questa regione, con una produzione di spettacolo e cultura di altissimo livello anche mediatico, divenendo figure di spicco nei vari comparti del grande Spettacolo e della Cultura, sono costretti ad attendere mesi per spartirsi risorse esigue, sottostando a lungaggini burocratiche di ogni tipo, e perfino anni per vedersi saldati i Festival realizzati dopo la verifica di ogni centesimo speso».

Più informazioni su