Quantcast

Dalla Regione fino a 50.000 euro per spettacoli teatrali da fruire anche online

Le attività previste per il progetto proposto dovranno concludersi entro il 30 aprile 2022. 

Più informazioni su

    Con ancora senza esito alcuni dei bandi dell’anno precedente nel settore eventi culturali, il dipartimento Istruzione e Cultura della Regione Calabria, con decreto dirigenziale n. 2271 del 5 marzo 2021, ha pubblicato l’avviso che intende sostenere il teatro calabrese attraverso il finanziamento di progetti che ne valorizzino l’interconnessione con il vasto patrimonio artistico del territorio e facciano da spinta alla promozione del turismo culturale.

    La misura, che prevede un impegno di 700.000 euro a valere sui fondi Pac 14/20, si propone di incentivare la circuitazione degli spettacoli teatrali e la realizzazione di iniziative di distribuzione e programmazione che contemplino anche modalità innovative di progettualità e fruizione, tramite l’utilizzo di tecnologie digitali e canali multimediali (come, ad esempio, lo streaming e i social network), vista l’attuale situazione di strutture chiuse o al massimo occupabili da fine mese a posti ridotti.

    LA PROCEDURA

    Il sostegno è concesso, sulla base di una procedura valutativa a graduatoria, nella forma di contributo in conto capitale pari all’80% delle spese ammissibili per un importo massimo di 50.000 euro. Possono presentare la proposta progettuale i soggetti organizzatori di festival e rassegne di teatro (che non producono, né coproducono o allestiscono, direttamente o indirettamente, spettacoli teatrali). Le attività previste per il progetto proposto dovranno concludersi entro il 30 aprile 2022.

    SPIRLÌ: «SIAMO CON GLI OPERATORI»

    «Riteniamo sia fondamentale sostenere il teatro calabrese che, assieme a tutto il mondo della cultura – afferma il presidente della Regione, Nino Spirlì –, è stato travolto e soffocato dall’emergenza, dalle chiusure e dai necessari distanziamenti. Abbiamo messo in campo un impegno di 700.000 euro a favore degli organizzatori di festival e rassegne per la realizzazione di iniziative capaci di integrare il teatro con il patrimonio artistico calabrese e di promuovere il turismo culturale del territorio».

    «Soprattutto – sottolinea ancora Spirlì –, abbiamo pensato fosse necessario dare impulso a una diversa distribuzione degli eventi che guardi al digitale, e alle nuove tecnologie, come a un modo nuovo di incontrare il pubblico e far rinascere un settore che è custode di storia, conoscenza, emozioni. L’auspicio è di portare nelle case dei calabresi, tramite lo streaming e i canali web e social, spettacoli scritti, diretti e interpretati da artisti che sappiano raccontare e incarnare la Calabria».

    «È una sfida – conclude il presidente – che questa amministrazione regionale intende cogliere assieme agli operatori del settore per far rialzare il sipario, laddove non sono certe ancora le date di riapertura e le modalità di fruizione, ma esiste un pubblico affamato di teatro».

    LE DOMANDE

    Le domande, compilate secondo il modulo disponibile sulla pagina dedicata all’avviso, potranno essere presentate via pec all’indirizzo bandicultura.iac@pec.regione.calabria.it entro 30 giorni dalla data di pubblicazione dell’avviso sul bollettino ufficiale della Regione (n.18 del 9 marzo 2021).

    Più informazioni su