Quantcast

Nella vasca in Piazza Mercato Vecchio è stata posizionata “Rec/Over”, creazione completamente realizzata attraverso il riciclo

La seconda giornata di Open Air Art si è caratterizzata anche, presso il Cafè Retrò, per gli incontri delle celebrazioni dell’anno Dantesco.

Più informazioni su

Nella seconda giornata di Open Air Art le artiste Simona Ponzù Donato e Ambra Grassi hanno proseguito nella realizzazione delle loro opere, e ha installato la sua opera invece Pierluigi Criserà, con la terza residenza.

Nella vasca in Piazza Mercato Vecchio è stata così posizionata “Rec/Over”, creazione completamente realizzata attraverso il riciclo, che per Criserà «nasce dalla necessità di ottimizzare gli sprechi di una società che produce ininterrottamente prodotti chimici che compromettono l’ecosistema. La scelta di ridare nuova vita ad oggetti abbandonati che erano stati progettati per altro sembra ormai obbligata».

Rec/Over, come tutte le altre opere risultanti dalle residenze artistiche offerte da Open Air Art, sarà donata al Comune di Lamezia Terme, e verrà esposta o nella stessa fontana di P.zza Mercato Vecchio o nella biblioteca Comunale, come da accordi con l’Amministrazione.

La seconda giornata dell’evento si è caratterizzata anche, presso il Cafè Retrò, per gli incontri delle celebrazioni dell’anno Dantesco. L’associazione culturale Strade Perdute, con il patrocinio del Mibact e del Comitato per i 700 Anni di Dante, ha presentato il fumetto originale sulla Divina Commedia realizzato dagli studenti di una classe dell’IC Manzoni Augruso; in più Marinella Vitale ha tenuto un dibattito sul sommo poeta, mentre la blogger Ippolita Luzzo, festeggiando il nono anniversario della Litweb, ha parlato del libro “le parolacce di Dante”.

È stato anche presentato in anteprima il libro, edito dalla casa editrice Librellula, Ligea, con un racconto della scrittrice Rosalinda Miceli e le illustrazioni inedite dell’artista Valentina Arichetta. Il libro è il secondo della collana illustrata dedicata ai miti e alle leggende di Lamezia e delle Calabria, e segue “Gelsomina e le fate del castello”.

Più informazioni su