Quantcast

Tensostruttura per Rinascita-Scott e nuova aula bunker, Gratteri valuta di rimanere a Catanzaro

“Fino a ieri sono stato a Roma per affrontare il problema con il ministro, il suo capo di gabinetto e il capo del Dog. Ora ce la stanno mettendo tutta”

Non sarà costruita nell’area adiacente al Tribunale per minorenni la nuova aula bunker. Non ci sono gli spazi sufficienti per realizzare la nuova struttura definitiva che dovrà ospitare i processi con numerosi imputati che saranno celebrati nel distretto di Catanzaro.Ma non solo, perché la struttura da 4mila metri quadrati sarà una delle più grandi del Paese.

gratteri

LE PRIME IPOTESI  LA DICHIARAZIONE IN COMMISSIONE ANTIMAFIA

Da un anno e  mezzo il procuratore capo della Dda di Catanzaro Nicola Gratteri e il presidente della Corte d’Appello Domenico Introcaso sono al lavoro per sollecitare agli uffici del ministero la realizzazione dell’aula bunker. “Come un disco rotto”, ha spiegato il procuratore. Nelle ultime settimane il progetto ha avuto una sensibile accelerazione, dopo gli incontri avuti con il ministro Bonafede e i suoi collaboratori, su cui il procuratore Gratteri ha riferito anche nel corso di un’audizione in Commissione antimafia. “Fino a ieri sono stato a Roma per affrontare il problema dell’aula bunker con il ministro, il suo capo di gabinetto e il capo del Dog. Ora ce la stanno mettendo tutta”, ha detto Gratteri.

Si procede a ritmo serrato. Ieri un sopralluogo in alcune aree che potrebbero ospitare la struttura, nella periferia di Catanzaro, oggi una nuova riunione della Commissione permanente alla quale partecipano, oltre a Gratteri e Introcaso, anche il presidente del Tribunale Rodolfo Palermo, il procuratore generale facente funzioni Beniamino Calabrese, il presidente del Consiglio dell’ordine degli Avvocati Antonello Talerico, ma anche un dirigente del Demanio.

“Gli uffici del Demanio di Catanzaro si stanno impegnando concretamente su due fronti, l’installazione di una tensostruttura in cui celebrare l’udienza preliminare di Rinascita-Scott (una delle ipotesi è di installarla nel cortile del carcere di Siano ndr), e la realizzazione di un’aula bunker definitiva”, ha detto il procuratore Gratteri, secondo cui è importante che la struttura venga realizzata nel capoluogo di regione, in cui hanno sede la procura distrettuale e il gup distrettuale. “La fase più critica in cui emerge la necessità di grandi spazi – spiega il procuratore – è proprio quella dell’udienza preliminare”. Il procuratore Gratteri guarda anche al futuro e pensa alla possibilità che il legislatore possa concretizzare la sua proposta di istituire i tribunali distrettuali: “E’ opportuno realizzare tribunali specializzati nelle indagini su mafia e terrorismo, anche a garanzia degli stessi imputati”.
Il tempo stringe, ma il processo Rinascita-Scott, per Gratteri, “al 99 per cento si celebrerà in Calabria”.