Quantcast

Anche richiami alle attività nel lametino nel report dell’ultimo anno redatto dalla Questura di Catanzaro

In occasione del 169° anniversario della fondazione della Polizia stilato l'annuale bollettino delle proprie attività.

Più informazioni su

In occasione del 169° anniversario della fondazione della Polizia la Questura di Catanzaro ha stilato l’annuale bollettino delle proprie attività.

Il periodo dal 1 aprile 2020 al 31 marzo 2021 è coinciso però anche con l’arrivo della pandemia da Covid-19 e la gestione delle relative misure restrittive, con aspetti specifici del report delle attività dedicati anche al territorio lametino.

Polizia di frontiera aerea presso l’aeroporto

1 aprile 2020 – 31 marzo 2021

denunciati in stato di libertà

totale

12

persone identificate

totale

82915

passeggeri transitati

totale

652123

di cui

nazionali

558375

paesi Schengen

91579

paesi Ue non in Schengen

2589

Costante e professionale è stato l’impegno profuso dal personale dell’Ufficio della polizia di Frontiera Aerea dell’Aeroporto di Lamezia Terme, sia per quanto riguarda il controllo del traffico dei viaggiatori, sia a tutela delle infrastrutture strategiche dell’importante scalo aereo calabrese.

L’Ufficio si è anche distinto in alcune attività di Polizia Giudiziaria. Tra queste, degna di nota è l’operazione portata a termine il 22 ottobre 2020, allorché, a conclusione di delicate e laboriose indagini condotte anche con l’ausilio della Polizia Postale, è stato denunciato all’autorità giudiziaria un dipendente della Società che gestisce l’aeroporto, che, in assenza di qualsivoglia autorizzazione, aveva installato, in alcune stanze in uso al suo ufficio, dei sofisticati apparati elettronici utilizzati per la creazione di criptovalute, collegati alla rete internet dell’aeroporto.

Posto polizia ferroviaria

1 aprile 2020 – 31 marzo 2021

Servizi di vigilanza scali FS

1484

Servizi di scorta treni viaggiatori

41

Scorte treni

52

Servizi di pattugliamento linea FS giurisdizione

234

Servizi di O.P.

208 (emergenza Covid)

Persone sospette identificate

di cui:

8870

Stranieri

425

Persone denunciate a p.l.

1

Contravvenzioni F.S.

2

Polizia giudiziaria – Squadra mobile

In data 29/10/2020 è stata data esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip presso il Tribunale di Catanzaro a carico di 4 soggetti:

  • Davoli Antonio, cl. ’66;
  • Iannazzo Pietro, cl. ’75;
  • Iannazzo Vincenzino, cl. ’54;
  • Cannizzaro Domenico, cl. ’66;

poiché ritenuti responsabili del duplice omicidio di Torcasio Giovanni, cl. ’64, e Matarasso Cristian, cl. 78, avvenuto a Lamezia Terme il 29/9/2000, nell’abito della sanguinosa faida che vedeva all’epoca contrapposte la cosca Iannazzo e quella dei Cerra-Torcasio- Gualtieri, per il controllo delle attività criminali del territorio.

In data 01/11/2020 è stata data esecuzione all’Ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale presso la corte d’Appello di Catanzaro nei confronti di Iannazzo Francesco, nato a Lamezia Terme l’08/3/55, ivi residente, condannato, in via definitiva, alla pena di anni 8 e mesi 11 per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso quale esponente di spicco della cosca Iannazzo-Da Ponte.

In data 02/11/2020 veniva eseguito l’ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello di Catanzaro, nei confronti di Scalise Gregorio, cl ‘92, riconosciuto responsabile del reato di estorsione aggravata dalla metodologia mafiosa, quale esponente di spicco della cosca Giampa’, operante nel comprensorio lametino e condannato alla pena di anni 3 e giorni 4 di reclusione, all’interdizione perpetua dai pubblici uffici, all’interdizione legale durante la pena nonché al pagamento di una multa di 1000 euro.

In data 20/03/2021 veniva tratto in arresto, in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica – Ufficio Esecuzioni Penali, Torcasio Pasqualino, cl. ‘69, poiché ritenuto responsabile dell’omicidio di Torcasio Giuseppe, cl. ‘55, avvenuto a Lamezia Terme in data 22/10/2003.

Commissariato di Lamezia Terme

In data 01/05/2020, in esecuzione di ordinanza applicativa di misura cautelare, è stato tratto in arresto Marciano’ Mario, cl. ‘98, per i reati di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e tentata estorsione in pregiudizio di un giovane tossicodipendente lametino e dei suoi familiari.

In data 25/06/2020 veniva tratto in arresto, nella flagranza del reato di detenzione per fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Vescio Fabio, cl. ’97; nella circostanza il predetto veniva trovato in possesso di gr. 655,5 di marijuana e gr. 1 di cocaina.

In data 29/06/2020 è stato tratto in arresto, in flagranza del reato di tentato omicidio, Vonella Saverio, cl. ’28; il predetto, nella stessa mattinata, a seguito di un litigio per futili motivi relativi alla circolazione stradale, aveva inflitto una coltellata, ferendolo all’addome, a Caruso Antonio, cl. ‘45.

In data 15/07/2020 veniva tratto in arresto Vesci Osvaldo, resosi responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni ai danni della moglie che, nei giorni precedenti era stata costretta a ricorrere alle cure mediche presso l’ospedale di Lamezia Terme, dove il personale di Polizia era intervenuto attivando il “Protocollo Eva”.

In data 02/10/2020 un cittadino extracomunitario veniva tratto in arresto, per il reato di rapina impropria ai danni del direttore di un supermercato, ove lo straniero aveva asportato della merce usando minaccia per tentare di guadagnare la fuga.

In data 12/01/2021, nell’ambito dell’operazione denominata “Volevo dirti”, unitamente a personale della Squadra Mobile di Catanzaro, è stata data esecuzione a 5 provvedimenti applicativi di misure cautelari nei confronti di soggetti ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina ed eroina; le indagini sottese al provvedimento cautelare avevano individuato un gruppo criminale riconducibile a Iannazzo Salvatore, esponente dell’omonimo sodalizio criminale operante in Lamezia Terme e zone limitrofe, dedito allo spaccio di considerevoli quantitativi di sostanze stupefacente del tipo cocaina ed eroina, il cui approvvigionamento avveniva anche da soggetti di etnia rom.

In data 04/03/2021, è stata data esecuzione alla misura di prevenzione patrimoniale del sequestro finalizzato alla confisca di una serie di beni nella disponibilità, diretta o indiretta, di Greco Sergio Ugo Roberto, cl. ‘58, o comunque allo stesso riconducibili per un ammontare complessivo di circa 600.000 euro.

In data 17/03/2021, nell’ambito dei servizi finalizzati alla prevenzione di assembramenti nelle zone maggiormente interessate dal fenomeno della “movida”, venivano deferiti all’autorità giudiziaria 4 persone, due delle quali ancora minorenni, responsabili di una aggressione ai di un altro giovane, per il reato di lesioni personali aggravate.

Più informazioni su