Quantcast

Da martedì al via le operazioni di verifica dell’inquinamento da parte dell’impianto Ilsap nell’area industriale

Affidamento diretto da 6.851,52 euro, compresa Iva ed altri oneri, a Luigi Guadagnolo come consulente di parte del Comune nelle operazioni di verifica.

Più informazioni su

In merito all’inchiesta sull’impianto Ilsap nell’area industriale lametina il 5 marzo è pervenuta l’ordinanza di ammissione di incidente probatorio per il procedimento penale pendente presso il Tribunale di Lamezia Terme nel quale il Comune di Lamezia Terme, tra gli altri, è individuato parte offesa.

Waste Water, nuovo sequestro per l’Ilsap per reati ambientali nell’area industriale ed inquinamento del mare

L’incidente probatorio dovrà accertare le accuse di reato elevate ai responsabili dell’impianto Ilsap per «aver riversato, senza alcun trattamento, i reflui dell’impianto sia nella condotta destinata al depuratore consortile, che nella condotta delle acque di seconda pioggia (canalone A e B) che confluisce a mare, e il deposito abusivo sul terreno di rifiuti industriali con superamento dei limiti per numerosi parametri indicati dalla normativa ambientale vigente».

Il giudice nell’udienza del 12 aprile ha nominato un consulente tecnico d’ufficio che svolgerà, per conto del Tribunale, la perizia tecnica per «accertare se sussiste compromissione o deterioramento significativo e misurabile delle acque o di porzioni estese di suolo sottosuolo e falda e se, in caso positivo, sia riconducibile alle attività prodotte dai soggetti indagati».

Per quanto riguarda il Comune di Lamezia Terme il 5 marzo si era costituito parte civile conferendo incarico di rappresentanza dell’Ente all’avvocato Caterina Flora Restuccia, nonché quale consulente tecnico la dipendente del Settore Tecnico Servizio Ambiente, Asnora Porcaro.

Le operazioni però dureranno 90 giorni a partire da martedì, giorno del primo sopralluogo da effettuare presso l’impianto, lasso temporale troppo lungo per permettere una presenza assidua della Porcaro sia in Comune (dove il settore non ha altro personale) che sul luogo delle analisi nell’area industriale.

Per tale ragione si è reso necessario l’affidamento diretto da 6.851,52 euro, compresa Iva ed altri oneri, a Luigi Guadagnolo per IG&P Ingegneri Guadagnolo & Partners S.r.l come consulente di parte del Comune nelle operazioni di verifica.

Più informazioni su