Quantcast

Appello processo Crisalide, assolto l’ex vice presidente del consiglio comunale di Lamezia, Giuseppe Paladino

La sentenza e le pene, diverse rideterminate, della Corte d'Assise d'appello di Catanzaro

Più informazioni su

La Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro ha assolto dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa Giuseppe Paladino, ex vicepresidente del consiglio comunale di Lamezia Terme, che a maggio 2020 era stato condannato dal Tribunale di Lamezia a 6 anni di reclusione.

I giudici hanno, inoltre, rideterminato la pena per Francesca Antonia De Biase in un anno e 10 mesi (3 anni e 6 mesi in primo grado); Costanzo Giuseppe, 11 anni (14 anni); Piero De Sarro, 10 anni (15); Danilo Fiumara 10 anni e 9 mesi (14 anni).

Oltre a Paladino la Corte ha assolto anche Flavio Bevilacqua che era stato condannato a 9 anni e 5000 euro di multa in primo grado. Paladino era accusato di avere fornito un contributo di natura materiale e morale alla cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri.

L’accusa gli era contestata in concorso col padre Giovanni, medico e anche lui già consigliere comunale in anni precedenti a quelli del figlio. Le sorti di padre e figlio, sul piano giudiziario, si sono ribaltate perché Giovanni Paladino era stato assolto in primo grado, nel giudizio con rito abbreviato, ed è stato condannato in appello a quattro anni di reclusione, ad aprile 2021. Sarebbe stato lui, secondo l’accusa, a portare il figlio, candidato alle comunali del 2015, nel “fortino” della cosca Torcasio per mettersi a disposizione del clan in cambio di sostegno elettorale.

Le indagini che sono scaturite durante quella campagna elettorale hanno portato all’operazione antimafia “Crisalide”, contro i vertici e sodali della cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri, e allo scioglimento del consiglio comunale di Lamezia Terme, il terzo nella storia della città.

Più informazioni su