Sul tema dell’immigrazione il Premio Letterario Internazionale Feudo di Maida la cui cerimonia di premiazione si terrà sabato

Il Premio si articola in due giorni e segue un programma variegato

Più informazioni su


    Presentata all’interno della biblioteca scolastica di Maida la nuova edizione del Premio Letterario Internazionale Feudo di Maida la cui cerimonia di premiazione si terrà sabato alle 18 nell’auditorium Gallo Cantafio a Maida. 
    «Il Premio, vincitore di bando regionale riprende vita dopo una pausa di 7 anni – afferma in conferenza stampa il sindaco Salvatore Paone – l’ultima edizione nel 2012. L’obiettivo è nella promozione del centro storico, filo conduttore del premio, quest’anno, è il tema dell’immigrazione. Coinvolti anche i giovanissimi attraverso il concorso Albo d’Oro». 
    Al tavolo Leo Ciriaco, presidente associazione La Lanterna nonché anima del Premio, Rita Cervadoro, presidente Auser, già preside dell’Istituto Comprensivo di Maida attenta e sensibile alla cura della biblioteca, Maria Teresa Cinque della Pro Loco. «Il Premio rappresenta una pluralità di valori – dice Ciriaco – il libro quale filtro al coinvolgimento del territorio. Grande attenzione è stata data ai beni culturali». 
    Fra i vincitori del Premio: Valeria Milani Comparetti Don Milani e suo padre. Carezzarsi con le parole, Edizioni Conoscenza, 2017, Michele Colucci Storia dell’immigrazione straniera in Italia. Dal 1945 ai nostri giorni, Carocci Editore, 2018,  Salvatore Maira Ero straniero Bompiani, 2019, Emilio Gentile Ascesa e declino dell’Europa nel mondo, Garzanti, 2018, Evelina Santangelo Da un altro mondo, Einaudi.
    Il Premio si articola in due giorni e segue un programma variegato. Si comincia sabato mattina alle 10 con “l’incontro con l’autore” in più scuole contemporaneamente. Gli studenti, dopo aver letto e commentato i testi con i loro insegnanti ne discutono con gli autori: Michele Colucci Liceo Scientifico E. Majorana, Girifalco; Valeria Milani Comparetti Istituto comprensivo statale di Maida; Emilio Gentile Liceo classico di Lamezia Terme; Salvatore Maira Istituto omnicomprensivo statale di Filadelfia; Evelina Santangelo Istituto comprensivo statale di Maida; incontro con i soci AUSER, Paolo Rodari Istituto comprensivo statale Don Bosco. 
    Nel pomeriggio alle 18 avrà inizio la cerimonia del Premio, fra le autorità presenti Maria Francesca Corigliano, assessore regionale all’Istruzione, ospite d’eccezione nonché presidente di giuria Nando Dalla Chiesa. Conduce Manuela Iatì, Giornalista Sky TG 24. 
    Domenica doppio appuntamento: alle 10:30 presso il Salone della Biblioteca dell’Istituto Comprensivo  Valeria Santangelo autrice del romanzo “Da un altro mondo” incontra i soci Auser. Dialogheranno con l’autrice Rita Cervadoro (Presidente Auser Maida) e Mauro Vasta coordinatore giuria di selezione sezione narrativa Premio Feudo di Maida 2019. Alle 18 presso il Salone del Castello Normanno di Maida seguirà la presentazione del libro “Non spegnere la Luna” del giovane autore maidese Roberto D’Amico. Dialogheranno con l’autore Andrea De Munno e Tiziana De Matteo.
    Hanno partecipato 127 autori concorrenti italiani e stranieri, 52 case editrici nazionali. Il Premio gode dei patrocini del Senato della Repubblica, Regione Calabria, Università degli Studi della Calabria, Università degli Studi di Messina, Amministrazioni comunali di Cortale, Jacurso, Maida,San Pietro a Maida, Unione dei Comuni di Monte, Contessa, AUSER Maida, Pro loco Maida.

    Più informazioni su