Quantcast

Prosegue il Festival delle Erranze e della Filoxenia con una tre giorni tra Platania, Serrastretta e Conflenti foto

Escursioni, arte, concerti e presentazioni di libri in programma

Più informazioni su

Prosegue il Festival delle Erranze e della Filoxenia, dedicato all’area del Reventino, con una 3 giorni (30 luglio, 1 e 2 agosto) che riguarderà i comuni di Platania, Serrastretta e Conflenti.

Si comincia oggi alle 17 a Platania, al Museo De Fazio, con 2 eventi artistici in contemporanea di cui sarà protagonista Savina Tarsitano. Nel paese saranno esposte le grandi tele del progetto internazionale “Kids Guernica e Terzo Paradiso” in collaborazione con Fondazione Pistoletto e Città dell’Arte. Si tratta di dipinti provenienti da tutto il mondo che sono stati esposti, fra l’altro, anche a Barcellona e Tokio. Savina Tarsitano esporrà, inoltre, la sua mostra “Le voci del luogo”. Alle 18,30 in Piazza Vittorio Veneto si svolgerà una conversazione con Vincenzo Villella sui contenuti del suo libro “Genti e paesi del comprensorio lametino” Grafiché Editore.

Sabato sarà la volta di un’escursione guidata fra Reventino, Faggio e la Pietra del Corvo da Francesco Bevilacqua. Durante l’escursione Massimo Iiritano, autore del libro “Gioacchino da Fiore”, Rubbettino editore, terrà una conversazione sull’attualità del pensiero di Gioacchino da Fiore. L’escursione-conversazione è organizzata in collaborazione con Conflenti Trekking e con l’Associazione Cammino di Gioacchino da Fiore. Nel pomeriggio, a Platania, sarà possibile visitare ancora le mostre, i musei civici, il Parco Letterario Felice Mastroianni. Nella serata, sempre a Platania, Piazza Veneto, alle 22, si terrà un concerto di musica popolare della tradizione calabrese con il gruppo Sazeri-Musica Agricola.

Domenica, alle 10, “Arpe nella Foresta: concerto per la Faggeta di Condrò”. Il concerto “per” la foresta (e non “nella” foresta) si svolgerà, appunto, nel cuore della maestosa faggeta in località Cona del Corvo e sarà tenuto dal Trio Clarsion, composto dal duo di arpiste Gemelle Palazzolo e dal percussionista Gabriele Lotta. Il concerto è organizzato dalle pro loco di Platania e Serrastretta.

Sarà un omaggio al bosco come sistema vivente formato da creature la cui intelligenza è stata ormai appurata da una nuova scienza: la neurobiologia delle piante. Nello stesso tempo si intende far capire che anche un singolo bene ambientale – qual è, appunto la Faggeta di Condrò – può divenire punto di incontro degli interessi non solo economici ma anche civili, culturali, morali e persino spirituali delle comunità che gravitano attorno ad esso. Proprio per questo motivo, nell’occasione del concerto, le comunità di Platania, Serrastretta, Motta Santa Lucia, Carlopoli, Conflenti, Tiriolo e Lamezia Terme conferiranno alla Faggeta di Condrò tre onorificenze: la cittadinanza onoraria di tutti i comuni del Reventino, la laurea honoris causa in letteratura, scienze naturali, storia e filosofia ed economia, il titolo di “Patrimonio mondiale dell’Umanità … ma prima ancora delle sue comunità”.

Il luogo del concerto potrà essere raggiunto a piedi con due brevi escursioni che partiranno in contemporanea, alle 8,30, dal ristorante-residence La Giurranda (lato Platania) e dal Bivio di Condrò ex Ristorante Dalidà (lato Serrastretta). Chi avesse necessità di giungere in auto nei pressi della Cona del Corvo può accordarsi con gli organizzatori. Nel pomeriggio, a Platania ancora possibilità di visitare mostre e musei. Alle 22 in Piazza Veneto, concerto-reading dal romanzo di Ettore Castagna “Della Grecìa perduta”, Rubbettino Editore.

Più informazioni su