Scadenza 5 ottobre per presentare offerte di acquisto di 5 beni provinciali il cui ricavato dovrebbe servire per il parco di via Savutano

Il totale dei prezzi di base d'asta è di 245.600 euro, per l'opera pubblica servirebbero 1.200.000 euro

Sei mesi fa, il 20 febbraio, nella Sala Napolitano, il sindaco di Lamezia Terme, Paolo Mascaro, si diceva «felice per il recupero dell’interlocuzione intrapresa già a marzo dello scorso anno, sicuro che il primo milione e 200.000 euro che si incasserà dall’alienazione dei beni sarà destinato a questo parco», riferendosi al progetto della Provincia in via Savutano.

Sergio Abramo, presidente della Provincia di Catanzaro, rimarcava come «andate deserte le prime gare, ora si procederà con le trattative dirette e con nuovi bandi da marzo con i prezzi approvati dall’agenzia delle Entrate per un importo complessivo sopra i 7 milioni, a cui si aggiungeranno 14 negozi in piazza Prefettura da approvare in vendita nel prossimo consiglio provinciale».

Tempi ancora non certi per il Parco Savutano, ma la Provincia rassicura

Poi, arrivata l’emergenza Covid, il 22 maggio lo stesso Mascaro nel corso di “Pronto Sindaco” dichiarava che la Provincia con la rimodulazione dei mutui con la cassa depositi e prestiti avrebbe dovuto finanziarie il parco di via Savutano, ma giunti a fine agosto dal capoluogo di regione non arrivano aggiornamenti.

Deserta l’asta pubblica relativa alla vendita di 12 immobili per finanziare il parco di Savutano

La questione potrebbe tornare nuovamente di attualità nell’ultimo quadrimestre del 2020, essendo stato pubblicato il bando di indizione di un’asta pubblica per la vendita di 5 immobili di proprietà della Provincia di Catanzaro tra quelli alienabili, parte dell’elenco dei 12 che non avevano trovato offerte a febbraio:

  1. Immobile sito in Catanzaro alla Via Eugenio De Riso, n. 2, piano T di Categoria A/10 – Classe U – consistenza 2 vani, superficie 45 mq. censito al N.C.E.U. del Comune di Catanzaro – Foglio n. 40 – particella n. 36 – Subalterno 25 – stato: libero – prelazione: no – prezzo base d’asta 46.000 euro;
  2. Immobile sito in Catanzaro alla Aldo Barbaro, già via Piave, di Categoria C/1 – Classe 3 – superficie 51 mq. censito al N.C.E.U. del Comune di Catanzaro – Foglio n. 38 – particella n. 47 – Subalterno 6 – stato libero – stato libero – prelazione: no – prezzo base d’asta 63.900 euro
  3. Immobile sito in Catanzaro alla Via Petricciolo, di Categoria C/2 – Classe 1 – consistenza 83 mq, superficie catastale 128 mq. censito al N.C.E.U. del Comune di Catanzaro – Foglio n. 72 – particella n. 1052 – Subalterno 1- stato libero – stato libero – prelazione: no – prezzo base d’asta 34.200 euro;
  4. Immobile sito in Catanzaro alla Via Petricciolo, di Categoria A/3 – Classe 3, superficie catastale 148 mq. censito al N.C.E.U. del Comune di Catanzaro – Foglio n. 72 – particella n. 1052 – Subalterno 16 – stato: occupato/locato – prelazione: sì (regolarità pagamenti al 31/12/2019) – prezzo base d’asta 76.500 euro;
  5. Immobile fabbricato rurale (inagibile) censito nel N.C.E.U. del Comune di Catanzaro, come unità collabente, foglio n. 72 particella n. 1119, sub n. 1; superficie totale deposito + corte mq. 167,70 – stato libero – prelazione: no – prezzo base d’asta: 25.000 euro

Il totale dei prezzi di base d’asta è di 245.600 euro, con le offerte che dovranno essere recapitate in Provincia entro le 12 del 5 ottobre.