Quantcast

Quattro comuni del Reventino fanno unione per screening mirati, test rapidi anche a Cortale

In ogni caso, ai fini sanitari e burocratici, a contare sarà però il tampone processato dall'Asp.

Sarà uno screening unico quello che effettueranno gli operatori del’Uccp del Reventino tramite i test rapidi che saranno acquistati nei comuni di Carlopoli, Decollatura, Serrastretta e Soveria Mannelli.

In una nota congiunti i sindaci Emanuela Talarico, Angela Brigante, Felice Molinaro e Leonardo Sirianni siglano così un patto del Reventino rimarcando le difficoltà dell’Asp a fornire gli esiti dei tamponi anche alle amministrazioni comunali, con risposte che giugno dopo i 14 giorni di quarantena obbligatoria.

Si opta così per attuare uno screening di volta in volta mirato, indirizzato cioè ai casi più urgenti e a quelli che richiedono un’analisi tempestiva del rischio, secondo una valutazione di priorità e ordine di contatto, effettuata dal medico di base di concerto con l’Asp ed il Comune.

Si testeranno così persone con sintomi compatibili con quelli del Covid-19 o risultate esposte ad alto rischio di contagio, cercando di avere un quadro conoscitivo ed un monitoraggio più veloce e rassicurante per la cittadinanza. In ogni caso, ai fini sanitari e burocratici, a contare sarà però il tampone processato dall’Asp.

Anche a Cortale l’amministrazione comunale ha avviato uno screening per l’indagine epidemiologica al COVID-19 con test rapido antigenico naso-faringeo, gratuito per gli amministratori e i consiglieri, i dipendenti e i lavoratori del Comune, le Forze dell’Ordine, il Corpo di Polizia Municipale, la Protezione Civile e tutte quelle persone che hanno avuto contatti stretti con possibili positivi.

«La decisione di fare i tamponi rapidi gratuitamente, a carico del Comune, nasce dalla situazione in cui si è venuta a trovare l’ASP che è ormai al collasso e non riesce a fare e processare i tamponi se non con tempi lunghissimi», si spiega, «a questo primo screening ne seguiranno altri nei prossimi giorni per altre categorie e per altri cittadini, ciò al fine di avere una mappatura generale della popolazione rispetto al Covid-19».