Quantcast

Barriere a basso impatto ambientale ed un campo polivalente per le frazioni di Conflenti

Sottoscrizione della Convenzione con la Presidenza del Consiglio dei ministri per un finanziamento di circa 1.000.000 di euro.

Più informazioni su

«Le frazioni di Conflenti diventeranno finalmente zone ad alta vivibilità come mai è stato nel passato. Luoghi d’incontro e di socializzazione, punto di riferimento turistico non solo per i conflentesi ma per tutti coloro che orbitano nel comprensorio Lametino». E’ quanto ha dichiarato il sindaco di Conflenti, Serafino Paola dopo la sottoscrizione della Convenzione con la Presidenza del Consiglio dei ministri per un finanziamento di circa 1.000.000 di euro. Il progetto dell’Amministrazione comunale prevede la realizzazione di un campo sportivo polivalente con possibilità di praticare pallavolo, calcetto, tennis e basket e, anche, la realizzazione di una piazza, luogo di ritrovo e d’incontri.

«Un modo – prosegue il sindaco Paola – per supportare le attività turistiche ed incentivare le attività socio-culturali: dove poter organizzare incontri, scambiare opinioni e stimolare quelle iniziative legate al fermento per la crescita della nostra comunità».

Il progetto prevede «la nascita di un vero e proprio villaggio come le migliori realtà del Nord, tipico delle zone collinari e montane, con viali ordinati e dove, ammirando il verde delle montagne, i profili degli alberi, anche il visitatore potrà avvertire quel senso di benessere che fa bene al corpo e che aiuta lo spirito».

Saranno installate barriere a basso impatto ambientale misto acciaio-legno, moderne e più consone all’ambiente montano e turistico ed asfaltate tutte le strade delle Frazioni Costa, Stranges, Pernici, Coscaro, Abritti, Sciosci e San Mazzeo.

«Il lavoro che stiamo portando avanti in questi anni – ha concluso il primo cittadino di Conflenti – continua a produrre risultati concreti per la nostra comunità che avrà così modo di crescere con interventi finalizzati ad una migliore vivibilità per i residenti ed alla contemporanea valorizzazione delle potenzialità turistiche del nostro territorio».

Più informazioni su