Quantcast

Sul parco avventura ed ex Dalidà il Comune ricorda i due bandi pubblicati senza aver ottenuto offerte

"Al bando non ha partecipato nessun soggetto, né nella comunità locale né all’esterno del territorio comunale"

Più informazioni su

Sulla richiesta del consigliere comunale Alex Iuliano arriva anche la risposta da parte dell’amministrazione comunale di Serrastretta, rimarcando come «negli ultimi 5 anni lo stesso ha ricoperto il ruolo di Consigliere comunale di minoranza, durante i quali avrebbe avuto modo e tempo per sottoporre la questione del Parco Avventura, chiedere informazioni in merito, avanzare proposte ed acquisire la documentazione che oggi richiede e che potrà visionare integralmente in qualunque momento. Giova sottolineare che, per l’impostazione data dall’Amministrazione comunale, avrebbe potuto prendere visione ed estrarre copia di ogni documento utile, senza alcuna difficoltà e senza dover nemmeno inoltrare richiesta formale in qualità di Consigliere comunale».

Si spiega così che «la ditta che ha eseguito i lavori è risultata vincitrice di un bando di gara a procedura aperta, a cui potevano partecipare liberamente tutte le imprese interessate e la selezione dell’aggiudicatario è avvenuta sulla base di criteri trasparenti, scritti preventivamente nel bando stesso».

Quanto alla gestione dell’infrastruttura verde «il Comune ha pubblicato due bandi di gara, liberi e molto vantaggiosi, che si sono conclusi senza nessun aggiudicatario. In particolare, l’ultimo non richiedeva particolari condizioni per la partecipazione, non prevedeva garanzie ed oneri gravosi per la gestione del bene, il canone era stabilito in 2.000 euro annui e comprendeva, facoltativamente, con una cifra aggiuntiva di 2.500 euro l’anno, anche il ristorante, sul quale non si imponeva alcun vincolo legato all’attività di ristorazione ma si lasciava libera la scelta sulla destinazione d’uso turistico-recettiva da attuare. A ciò si aggiungevano tutta una serie di facilitazioni e aiuti previsti per supportare la fase di avvio e di gestione. Quest’ultimo bando, oltre che sull’Albo pretorio del Comune è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sul Sito del Ministero Infrastrutture e Trasporti, ecc».

L’amministrazione si rammarica di come «nonostante le condizioni particolarmente favorevoli e l’evidenza pubblica data, a questo bando non ha partecipato nessun soggetto, né nella comunità locale né all’esterno del territorio comunale», annunciando che «questi argomenti saranno illustrati, carte alla mano e senza timore di smentite, sia in Consiglio che in imminenti occasioni pubbliche, dando a tutti l’opportunità di intervenire pubblicamente, a viso aperto e non dietro la tastiera di un computer o di uno smartphone, come frequentemente accade».

Più informazioni su