Quantcast

Giornata Mondiale del Rifugiato celebrata oggi anche a Conflenti

Attualmente ospitati 14 profughi afgani, scappati dalla violenza e dalle minacce che i talebani continuano ad infliggere ad un popolo perennemente sotto minaccia.

Più informazioni su

Conflenti, paese da sempre attento alle tematiche sociali, è in prima linea anche nella Giornata Mondiale del Rifugiato, che si tiene il 20 giugno di ogni anno per celebrare la forza, il coraggio e la perseveranza di milioni di rifugiati.

In questa occasione l’UNHCR chiede la piena inclusione di tutte le persone costrette a fuggire da guerre, violenze e persecuzioni in ogni ambito della società: dal lavoro allo studio, dalla salute allo sport, perché tutte le persone costrette a fuggire hanno il diritto di essere protette e di poter ricostruire la propria vita in dignità. I rifugiati portano con sé nella fuga un bagaglio di competenze e determinazione che possono arricchire le comunità ospitanti, diventando risorse preziose per la società e per il bene comune.

A Conflenti, paese da sempre ospitante ed ospitale, vi sono in questo momento, ospiti del progetto “SAI Filadelfia, ampliamento sede di Conflenti”, gestito dalla Cooperativa Iride e dalla Cooperativa sociale progetto Enea, insieme agli enti locali (comuni di Filadelfia e di Conflenti) 14 profughi afgani, scappati dalla violenza e dalle minacce che i talebani continuano ad infliggere ad un popolo perennemente sotto minaccia.

Per far conoscere questa realtà e per gridare all’unisono che il mondo è la casa di tutti e che ogni essere vivente merita stessi diritti e pari dignità i beneficiari, insieme alle cooperative che gestiscono il progetto, all’associazione Libramenti e all’Amministrazione Comunale, hanno organizzato un evento che si svolgerà in Piazza Pontano a Conflenti oggi, guidati dallo slogan “Chiunque siano, da qualsiasi luogo provengano. Sempre. Together #WithRefugees”.

“È una serata di festa – ha dichiarato il Sindaco di Conflenti Emilio Francesco D’Assisi – ma anche un modo per stare vicini alle tante persone che, per un motivo o per un altro, hanno dovuto lasciare le loro case. Purtroppo non possiamo restituire loro quello che gli è stato tolto, ma possiamo e dobbiamo fare di tutto affinché si sentano a casa”.

“Conflenti – ha concluso il primo cittadino – ha dimostrato di essere sempre molto sensibile verso queste problematiche sociali, dalla prima guerra in Iraq fino all’ultima in Ucraina e sono sicuro che anche questa volta saprà dare il meglio di sé in termini di solidarietà e di integrazione”.

Il programma

Ore 18  – Sagrato della Basilica di Visora

L’Afganistan ieri e oggi – Letture e Storie, con lettura di brani di autori afgani a cura dell’associazione Libramenti e dei beneficiari SAI, in lingua italiana, inglese, dari e pasthu e racconti di storie di vita.

A seguire presso piazza Pontano un momento conviviale con piatti della tradizione afgana e il concerto di Boto Cissokho – Musica oltre i confini, un sound vivace e multilingue, che travalica stili e confini partendo dalle sonorità dell’Africa si arricchisce di elementi reggae, rock, funk, dando vita a uno spettacolo dirompente.

Più informazioni su