Quantcast

Entro il 3 febbraio porta a porta da attivare anche in centro, a condomini ed attività commerciali l’obbligo di esporre i mastelli

Non proficua la prima concertazione tra Multiservizi ed amministratori di condomini su dove posizionare i contenitori

Più informazioni su


    Dovendo raggiungere in quest’anno il 65% di raccolta differenziata per rimanere all’interno di quanto stabilito dagli obiettivi dei finanziamenti regionali ottenuti, il Comune di Lamezia Terme dopo anni di piani tecnici non rispettati viene chiamato a spingere sull’acceleratore in merito all’implementazione della raccolta differenziata porta a porta.
    Per le utenze domestiche il nuovo sistema di raccolta differenziata prevede l’utilizzo di mastelli di circa 30 litri con TAG RFID da consegnare per tutte le frazioni di rifiuto, nello specifico carta e cartone, plastica e alluminio, vetro, organico e indifferenziabile, mentre per i condomini sopra le 10 utenze domestiche si prevede l’utilizzo di carrellati di circa 240 litri con TAG RFID da adibire alla raccolta delle frazioni di rifiuto, nello specifico carta e cartone, plastica e alluminio, vetro, organico e indifferenziabile. In questo secondo caso però «la Lamezia Multiservizi SpA ha avviato un periodo di concertazione con gli amministratori di condominio, della prima zona centro da avviare, al fine di definire il posizionamento di detti carrellati» ma, si spiega nell’ordinanza oggi emessa, «anzidetta concertazione non ha portato alla definizione del luogo ove posizionare le attrezzature in questione, con la maggior parte degli amministratori». 
    Si dà così come termine da rispettare il 3 febbraio, ordinando ai condomini sopra le 10 unità domestiche il posizionamento all’interno di area condominiale delle attrezzature date dalla Multiservizi in comodato gratuito (carta e cartone carrellato da 240lt blu, plastica e alluminio carrellato da 240lt giallo, vetro carrellato da 240lt verde, organico carrellato da 240lt marrone, indifferenziato carrellato da 240lt grigio). Medesimo input anche alle attività commerciali ricadenti nelle zone del porta a porta, con il posizionamento dei carrellati specifici, in base alla tipologia di rifiuto prodotto da ciascun esercizio commerciale, da indivuare all’interno degli spazi in uso dell’attività. I carrellati dovranno essere esposti secondo il calendario prestabilito e comunicato dalla Società Lamezia Multiservizi SpA. 
    Sarà compito della Polizia Municipale quello di vigilare sulla corretta applicazione dell’ordinanza sindacale e di intensificare il controllo sul territorio nelle zone dove è attiva la raccolta differenziata porta a porta.
    g.g.

    Più informazioni su