Quantcast

Nuovo regolamento per la consultazione del patrimonio archivistico comunale

Documentazione che risale anche al 1818 troverà sede al piano terra della biblioteca Oreste Borrello

Più informazioni su

Il Comune di Lamezia Terme possiede un importante patrimonio archivistico la cui documentazione risale al 1818, ma non ha ad oggi un regolamento per la consultazione dello stesso.

Per tale motivo è stato predisposto un testo dalla giunta, che poi passerà al vaglio del consiglio comunale, anche al fine di «rendere fruibile al pubblico la documentazione dell’Archivio Storico, per promuovere la valorizzazione e la promozione di questo importante patrimonio culturale e per diffonderne la conoscenza attraverso l’attività di ricerca storica come elemento fondante di formazione e di integrazione interculturale».

Predisponendo «anche la creazione di una piattaforma multimediale per la visione dei documenti scansionati», l’Archivio Storico avrà sede al piano terra della Biblioteca Comunale Oreste Borrello, e l’amministrazione comunale si impegna «a concentrare nella sede dell’Archivio Storico tutta la documentazione archivistica di pertinenza da essa prodotta, ivi compresa quella afferente gli ex Comuni di Nicastro, Sambiase e Sant’Eufemia, ad eccezione delle serie archivistiche che dovessero rimanere presso gli Uffici produttori per necessità amministrativa formalmente motivata dal responsabile del Settore, al quale compete la responsabilità della conservazione e tutela della documentazione trattenuta presso gli Uffici incardinati nel Settore».

In tempi di carenza di personale lo stesso regolamento precisa che «per svolgere compiutamente le sue funzioni l’Archivio Storico può avvalersi anche di giovani del Servizio Civile Volontario Nazionale e/o di stagisti e tirocinanti provenienti da Facoltà universitarie il cui indirizzo di studi sia coerente con la missione e la natura dell’Archivio Storico. In tali casi l’apporto alle attività dell’Archivio Storico non può costituire un surrogato delle necessarie prestazioni professionali qualificate, bensì rappresenta un significativo momento formativo offerto ai giovani al fine di fornire loro un’occasione di esperienza diretta nel settore degli Archivi».

Più informazioni su