Mascaro confida negli auspici di Conte per poter riaprire dal 10 al 18 maggio anche le attività attualmente chiuse

Evenienza possibile se la situazione sanitaria si mantenga stabile o in miglioramento

Più informazioni su

Nel video messaggio postato questa notte sul profilo facebook del Comune di Lamezia Terme, anche il sindaco Paolo Mascaro fa il punto della situazione su quanto potrà nuovamente essere concesso a partire da lunedì, nel rispetto tanto del decreto nazionale che delle ordinanze comunali.

Mentre sull’ordinanza regionale, che a Lamezia Terme inizierà ad essere valida dal 10 maggio, è in atto il braccio di ferro tra la presidente Santelli (che non ha voluto fare alcun passo indietro sia dopo le rimostranze nazionali che dopo le prese di posizione di diversi sindaci che non hanno recepito l’atto posticipandone la validità in contemporanea con quella nazionale, dati alcuni dei punti di contatto) ed il Governo (pronto ad impugnare la stessa ordinanza, con però tempi tecnici che andrebbero oltre l’entrata in vigore del decreto nazionale), il primo cittadino lametino valuta con ottimismo anche le parole del premier Conte, auspicando che la situazione sanitaria si mantenga stabile o in miglioramento per poter riaprire nella settimana dal 10 al 18 maggio anche le altre attività attualmente chiuse o limitate nel proprio commercio (vedi ristorazione che potrà basarsi da lunedì sull’asporto ma ancora non sul servizio ai tavoli, anche se all’aperto).

Ci sarebbe poi anche il fronte politico – istituzionale, con il mese appena iniziato che dovrebbe vedere (salvi ulteriori rinvii, al momento data la situazione di emergenza non imprevedibili) la discussione in consiglio comunale dei bilanci di previsione 2020-2022 e del consuntivo 2019. Il Covid-19 ha infatti cambiato anche le consuetudini degli organi di indirizzo politico, ma chi con ingressi differenziati e distanziamento sociale, chi in videoconferenza (ma in questo caso il riferimento è a riunioni con un numero più ridotto, come possono essere giunta, commissioni o revisori dei conti), altre amministrazioni pubbliche stanno procedendo nei propri lavori.

Più informazioni su