Monito del primo cittadino in tema di randagismo e conduzione degli animali domestici

Si ricorda la necessità di pulire le deiezioni e non tenere liberi gli animali per strada, ma anche di non dare da mangiare ai randagi

Più informazioni su

«Stante la condizione di particolare gravità in cui verte la città di Lamezia Terme» il sindaco Paolo Mascaro invita «la cittadinanza allo scrupoloso rispetto delle norme attinenti la “prevenzione del randagismo, decoro ed igiene urbana, corretta detenzione degli animali”. La bellezza e l’igiene di una città sono lo specchio degli abitanti che ivi dimorano ed il primo segno di rispetto dell’ambiente. Mantenere pulite le strade, i parchi ed ogni angolo della città è la testimonianza di quel necessario senso civico e di responsabilità che contraddistingue una comunità di intelletto».

Secodo Mascaro «per garantire ad ognuno dunque, la possibilità di godere delle meraviglie della nostra città è necessario rispettare alcune regoli utili alla civile convivenza. Appare pertanto importante regolarizzare la posizione dei cani “di proprietà” procedendo con l’iscrizione alla anagrafe canina, attraverso la microchippatura dell’animale detenuto, così come stabilito per legge. Sarà inoltre vietato lasciare girovagare liberi i propri cani e sarà obbligatorio altresì, munirsi di idonea attrezzatura per la raccolta delle deiezioni provvedendo all’immediata rimozione. Si chiede inoltre, di non dare cibo agli animali nel centro abitato, poiché il cibo li rende stanziali e questo può causare problemi di ordine pubblico ed intolleranze nei confronti degli stessi animali mettendoli a rischio».

Mascaro sottolinea che «i cani e gatti dovranno essere trattati con cura ma nel rispetto di alcune regole che altro non sono che norme di vita scontate ma spesso disattese. L’amministrazione comunale vuole impegnarsi per garantire all’uomo e agli animali, diritti e doveri, mettendo al primo posto la sicurezza di entrambi e la libertà di poter vivere la città con serenità».

In fine si rimarca come «a tutti coloro che disattenderanno la Normativa di riferimento in materia di abbandono di animali, Omessa custodia e Malgoverno, Uccisione o maltrattamento di Animali, saranno puniti così come previsto dalla legge».

Più informazioni su