La terna commissariale conferma l’Irpef vigente con un gettito tra 4.148.124 e 5.069.928 euro

Prelevati 193.238 euro dal fondo di riserva da 310.332,24 per i costi delle mini elezioni comunali

Più informazioni su

Con la scadenza del 31 marzo ancora valida, al netto di possibile ulteriori rinvii, il redigendo bilancio comunale 2021/23 continua ad essere portato avanti dalla terna commissariale che sostituisce gli organi di indirizzo politico attualmente sospesi in via Perugini nell’incrocio tra sentenze e ricorsi.

Prevedendo nel 2021 di incassare 700.000 euro dai proventi dei titoli abilitativi edilizi e delle sanzioni di cui all’art. 1, comma 460, Legge n. 232/2016, la terna con i poteri della giunta ne destina il 10%, come previsto dalla legge, per :

  • la manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria;
  • gli interventi di tutela e riqualificazione dell’ambiente e del paesaggio, anche ai fini della prevenzione e della mitigazione del rischio idrogeologico e sismico;
  • gli interventi di demolizione di costruzioni abusive.

Oltre alla somma progressiva di 70.000 euro sopra citata, altri 90.000 euro saranno accontonati progressivamente come somme da destinare a rimborso in quanto versate ma non effettivamente dovute a seguito di istruttoria per il rilascio di titoli abilitativi edilizi.

Si prelevano inoltre dal fondo di riserva iscritto nel bilancio di previsione 2020-2022, quantificato in 310.332,24 euro, 193.238 euro «al fine di prevedere gli stanziamenti necessari per fronteggiare le spese relative alle consultazioni elettorali previste indette per domenica 28 marzo e successivo turno di ballottaggio previsto per domenica 11 aprile».

Infine si delibera di confermare per l’anno d’imposta 2021 l’aliquota dell’addizionale comunale all’Irpef nella misura nella misura già prevista per l’annualità 2020, ovvero 0,80%, con soglia di esenzione a 6.000 euro (se il reddito imponibile supera la soglia di esenzione, l’addizionale dovuta è calcolata applicando l’aliquota al reddito imponibile complessivo).

Il gettito previsto è così compreso tra un minimo di 4.148.124 euro ed un massimo di 5.069.928.

Più informazioni su