Quantcast

Nuovo piano economico di gestione dal Comune alla Multiservizi per il canile di località Stretto attualmente sequestrato

Il nuovo piano prevede un costo totale di 267.425,00 euro/anno oltre IVA, ipotizzando una presenza media di 350 cani/giorno

Più informazioni su

Tornato agli onori delle cronache ad inizio anno per il sequestro da parte dei carabinieri della forestale, dati i mancati interventi strutturali da parte della Multiservizi previsti a novembre con stanziamenti del Comune di Lamezia Terme, il canile municipale di località Stretto ora vede da parte della terna commissariale la modifica delle condizioni contrattuali per la gestione.

Sequestrato il canile municipale lametino per comportamenti incompatibili con le loro caratteristiche etologiche

La delibera con i poteri della giunta da un lato così prende atto che «il Comune sta provvedendo all’adeguamento della struttura con l’approvazione del progetto esecutivo, avendo ottenuto il parere preventivo da parte del Servizio Veterinario Area “C” dell’ASP di Catanzaro», dall’altro rimarca come «il canile municipale di Lamezia è una struttura identificata come canile rifugio nella quale sono attualmente custoditi 348 cani» mentre ancora manca una struttura come canile sanitario «dove vengono espletate tutte le attività di carattere sanitario in materia di prevenzione del Randagismo di competenza delle Aziende Sanitarie Provinciali».

Nel 2020 le condizioni economiche applicate sono state di 267.114 euro, con una perdita di gestione, intesa come differenza tra valore e costo della produzione, di 59.295,04 euro. Le spese son state divise tra una quota forfettaria di gestione della struttura (62.000 euro), ed una quota unitaria di stabulazione per ogni cane custodito (1,05 €/cane/giorno, con in media 380,48 cani/giorno).

Il nuovo piano prevede un costo totale di 267.425,00 euro/anno oltre IVA, ipotizzando una presenza media di 350 cani/giorno, comprendendo tra i costi:

  • il personale dedicato esclusivamente alla gestione del canile, costituito dal Responsabile del Servizio e da 4 operatori assunti part time a tempo indeterminato addetti alla stabulazione dei cani e alla manutenzione ordinaria della struttura (126.820,76 euro);
  • il Medico Veterinario, figura obbligatoria prevista dalla vigente normativa pari a 20.000 euro/anno;
  • il costo per gli interventi programmati di disinfezione, derattizzazione e igienizzandone pari a 6.000 euro/anno
  • medicinali e dispositivi medici (5.000 euro)
  • manutenzione ordinaria programmata compreso il rinnovo delle attrezzature, pari a 10.000 euro/anno
  • spese generali pari al 5% delle spese previste (8.041,04 euro)
  • quota unitaria per cane custodito comprendente il costo per il cibo dei cani e il costo per i medicinali e i dispositivi sanitari – 0,70 euro/cane/giorno
  • eventuali interventi chirurgici non eseguibili direttamente presso il canile 10.000 euro

Più informazioni su