Quantcast

Aumento di spesa da 70.493,85 euro per la manutenzione del verde comunale in scadenza a fine anno

La Sicilville ha ottenuto l'appalto biennale a fine 2019 per un prezzo di 739.298,06 euro.

Più informazioni su

Se tra lamentele online, ed esponenti civici e politici a rimorchio, la manutenzione del verde pubblico lametino ha visto più bassi che alti, dovuti anche alle restrizioni legate alla pandemia, da via Perugini arriva la modifica dell’accordo con la Sicilville, la ditta che ha ottenuto l’appalto biennale a fine 2019 per un prezzo di 739.298,06 euro.

Bando unico biennale da parte del Comune di Lamezia Terme per il servizio di manutenzione verde pubblico estensivo e pertinenziale stradale, fontane, potature e trattamenti fitoterapici

Oggi con apposita determina si reputa che «allo stato attuale, per le lavorazioni effettuate nel corso del servizio, anche urgenti, atti a garantire sia la salvaguardia dell’incolumità pubblica che il mantenimento, in più zone della città, di un’ottimale conservazione dello stato della vegetazione, vi sono poche quantità disponibili di lavorazioni in programma, pertanto non vi sarebbe la possibilità di proseguo fino a scadenza garantendo un livello minimo di servizio», e così «l’ufficio verde pubblico ha predisposto l’allegata perizia di assestamento, in corso d’opera, al fine di rimodulare in aumento alcune quantità del progetto originale e garantire una continuità del servizio fino a dicembre 2021, salvo imprevisti».

Tale variante in aumento comporta «una variazione contrattuale in aumento del 7,74 %, pari alla variazione di 57.219,04 euro sul totale contrattuale di 739.298,06, inferiore alla soglia massima del 20%», che aggiungendo l’Iva al 22% fa un aumento di spesa di 70.493,85 euro.

Rimangono poi i problemi di competenze su alcune aree (in qualche caso coperte dalle sponsorizzazioni private, in altri come i marciapiedi in conflitto di attribuzione tra Comune e Lamezia Multiservizi sebbene mai sanato nell’inadempienza nei piani tecnici economici approvati in ottica Tari, con in più il verde privato ad invadere se non curato l’area pubblica), il mancato rispetto di quanto previsto dal contratto biennale con la ditta siciliana (vedi manutenzione delle fontane monumentali, con solo oggi riaperta l’acqua solamente alla Ligeia dell’isola pedonale), il vandalismo ed inciviltà di parte della cittadinanza.

 

Più informazioni su