Quantcast

Il Comune cerca di riavviare entro fine mese lo spazio aperto giovani per non perdere i finanziamenti

Prossimo l'affidamento triennale per il gestore che dovrà curare le attività nel bene confiscato in via Aldo Moro.

Più informazioni su

Per portare a termine l’iter di realizzazione del progetto “Spazio Aperto Giovani 2.0”, pena la decadenza del finanziamento da 100.000 euro prevista al 31 ottobre, il Comune di Lamezia Terme dovrà effettuare l’individuazione nei tempi più rapidi possibili di un interlocutore/gestore per l’attivazione dei servizi nel bene confiscato in via Aldo Moro.

Chiuso da anni in via Aldo Moro, si torna a parlare dello “spazio aperto giovani”

Le attività dovranno essere destinate «ai ragazzi ed alle ragazze dai 14 ai 25 anni italiani e stranieri» con la «creazione di un luogo che funga da polo di aggregazione in cui i giovani possano esprimere le proprie passioni artistiche, culturali e nel contempo intraprendere dei percorsi formativi nel campo della lettura, fotografia, musica, videoarte», ovvero lo scopo per cui era stato aperto il centro e che però non ha avuto grossi riscontri, diventando poi per un breve periodo altro prima della chiusura definitiva che permane da diverso tempo.

Oltre all’uso triennale dell’immobile, l’amministrazione comunale martedì ha previsto anche un contributo di 9.400 euro per il gestore, cui saranno a carico le spese di manutenzione ordinaria, pulizie, utenze e del personale.

Dovrà essere ora il settore tecnico – servizio nuove opere e opere strategiche a dare l’avvio al procedimento amministrativo, ed il settore finanziario per gli atti consequenziali.

Più informazioni su