Quantcast

Progettazione tecnica esterna al Comune per affidare entro fine anno due appalti di contrasto al dissesto idrogeologico

Interessate le zone di San Minà - Cubiti – Caronte/Acquafredda, ed il bosco di Sant'Antonio

Più informazioni su

Per due progetti di contrasto ai fenomeni di dissesto idrogeologico approvati nella seconda metà del 2020, finanziati ad inizio 2021, si corre ora agli affidamenti tecnici diretti a professionisti esterni al Comune di Lamezia Terme per non incorrere in ulteriori definanziamenti.

Il 24 febbraio 2021 il Capo del Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno, di concerto con il Capo del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato del Ministero dell’Economia e delle Finanze, destinava 700.000 euro per la “messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico delle aree collinari al contorno della città di Lamezia Terme gravate da fenomeni di dissesto con frana (contrade San Minà – Cubiti – Caronte/Acquafredda)”, ma non avendo il comune di Lamezia Terme approvato un piano urbanistico attuativo (PUA) né un piano di eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA), lo stesso è stato decurtato del 5%, ammontando quindi a 665.000 euro.

Per affidare i lavori entro fine anno, come previsto dal decreto, è necessario avviare celermente la procedura di affidamento della progettazione, cosi da approvare il progetto definitivo/esecutivo dell’intervento sulla base del quale verranno affidati i lavori stessi. Ad un mese dal 31 dicembre l’affidamento tecnico relativo a redazione della progettazione definitiva, redazione della progettazione esecutiva, coordinamento sicurezza in fase di progettazione, coordinamento sicurezza in fase di esecuzione, direzione lavori, misura e contabilità è andato tramite trattativa diretta sul Mepa, effettuata il 26 novembre per 68.623,79 euro, al raggruppamento temporaneo formato da: capogruppo ing. Falvo Domenico; Ing. Stranges Federico, Dott. Geol. Fabio Isabella, Ing. Elisa Astorino in qualità di mandante.

Sempre a febbraio altro intervento finanziato era stato quello relativo a “messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico area bosco Sant’Antonio della Città di Lamezia Terme”, passato da 640.000 a 608.000 euro per la stessa decurtazione sopra esposta.

In questo caso l’affidamento tramite Mepa da 63.440 euro riguarda il raggruppamento formato da: Capogruppo ing. Labate Giuseppe; Ivan Teti titolare dell’impresa studio di geologia, ing. Madia Floriana, Donato Pescatore amministratore unico e direttore tecnico della società Ecodes s.r.l.s. in qualità di mandante.

Più informazioni su