Quantcast

Il Comune di Lamezia Terme si dota del Piano Triennale per l’Informatica 2021-23

Completato l’inserimento nell’app IO di tutti i servizi e previsto l’aumento di servizi per PagoPa e SPID

Più informazioni su

Dovendosi adeguare a delle direttive nazionali e la gestione del lavoro mutata per via della pandemia, anche il Comune di Lamezia Terme si dota del Piano Triennale per l’Informatica 2021-23.

«Partendo dall’ultimo intervento normativo del Codice Amministrazione Digitale (CAD), ulteriormente razionalizzato nei suoi contenuti, si è guardato al cittadino, per poterne meglio soddisfare le istanze ed incrementare la nevralgica rete dei servizi accanto naturalmente, alla necessità di allineare il comune ai modelli di riferimento dell’informatica pubblica italiana e della relativa digitalizzazione del Paese», sostiene la nota stampa, «il Piano Triennale per l’Informatica rappresenta fattivamente, lo strumento essenziale per promuovere la trasformazione digitale dell’ente, riuscendo ad accelerare il processo di semplificazione amministrativa e di digitalizzazione degli aspetti della vita. Riuscire cioè, ad agevolare le relazioni con i cittadini e imprese che acquisteranno in tal e senso, maggiore autonomia e libertà di azione».

Nella delibera di giunta è sottolineata «la necessaria esigenza di armonizzare i progetti di evoluzione tecnologica dell’Ente sugli orientamenti nazionali ed europei, come da normativa adottata dall’AGID (Agenzia per l’Italia Digitale). Un atto che muove inoltre, nel pieno rispetto del PIAO (Piano integrato di attività e di organizzazione), per soddisfarne la logica integrata rispetto alle scelte fondamentali di sviluppo delle amministrazioni, riuscendone a superare la molteplicità, e conseguente frammentazione, degli strumenti di programmazione».

Si annuncia così la possibilità di avere all’interno dell’ente un responsabile per la transizione digitale, prevedendo in tal senso, nel fabbisogno del personale, una figura dotata di profilo idoneo per ricoprire tale ruolo. Se e quando la commissione ministeriale approverà le nuove assunzioni.

Gli obiettivi del triennio 2021- 2023 vedono «nella prima parte del 2021 una fase di consolidamento delle procedure avviate nel 2020», ricordando che entro oggi, data indicata dal decreto semplificazioni di febbraio, «l’amministrazione intende procedere all’inserimento nell’app IO di tutti i servizi e all’aumento di servizi per PagoPa e SPID», e «nel medio lungo termine, secondo il piano triennale di Agid si cercherà di adottare il modello strategico e la metodologia precedentemente indicata».

Più informazioni su