Quantcast

Rimozione dei rifiuti ed installazione di un nuovo sistema di videosorveglianza attorno al campo rom

Negli ultimi giorni del 2021 sono stati delineati non solo gli ambiti dei 100.000 euro destinati all'ambito sociale, ma anche gli altri 400.000 euro in arrivo dal Ministero dell'Interno

Più informazioni su

Rimarcando come «è necessario procedere all’attuazione degli interventi previsti nel più breve tempo possibile per come richiesto dalle tempistiche del finanziamento concesso dal Ministero dell’Interno e per quanto trasmesso dalla Prefettura di Catanzaro» ma non fornendo un preciso cronoprogramma, determinati gli ambiti di spesa dei 400.000 euro ottenuti dal Comune di Lamezia Terme sotto la gestione commissariale dopo l’estate per gli interventi di bonifica nell’area del campo rom di Scordovillo.

I 100.000 euro per l’integrazione nel campo rom destinati ad un progetto semestrale per 20 minori, 6 donne e 4 famiglie

Negli ultimi giorni del 2021 sono stati così delineati non solo gli ambiti dei 100.000 euro destinati all’ambito sociale, ma anche gli altri 400.000 euro che saranno divisi tra:

  • 267.446,57, oltre oneri IVA al 10% pari a 26.744,66, per l’intervento di rimozione e smaltimento dei rifiuti abusivamente depositati sulle aree adiacenti il campo roma;
  • 81.016, oltre oneri IVA al 22% pari a 17.823,52, per l’intervento di realizzazione di sistemi di videosorveglianza ambientale gestito dal Comando di Polizia Comunale per eventuali individuazioni di comportamenti illeciti da perseguire;
  • 6.969,25 per spese tecniche per dipendenti.

Lavori che però potrebbero non essere celeri: da un lato infatti bisogna procedere con l’affidamento dei due diversi servizi, dall’altro si «prende atto del sequestro posto sulle aree limitrofe al Campo Rom e della necessità di avere autorizzato l’accesso alle stesse da parte dell’Autorità Giudiziaria per i lavori di rimozione dei rifiuti presenti».

Negli ultimi anni sono stati diversi, sempre a spese del Comune, gli interventi di pulizia delle discariche abusive venutesi a creare all’esterno del campo rom, con conseguenti roghi, indagini ed operazioni delle forze dell’ordine e magistratura visti i reati in atto, polemiche politiche, mancate soluzioni per lo sgombero delle strutture abitative fatiscenti e relativa ricollocazione dei residenti, cessazione del traffico illecito di rifiuti per lo più provenienti da fuori il campo rom.

Più informazioni su