Quantcast

Mirati correttivi nel regolamento dei tributi comunali vengono proposti in commissione consiliare

Modifiche su numero di rate ed importi, focus prossimo sul regolamento Tari, ma il tutto dovrà essere ratificato in consiglio comunale

Più informazioni su

Mirati correttivi nel regolamento dei tributi comunali vengono proposti in commissione consiliare: soglia Isee alzata a 10.000 (dagli 8.000 attuali) per singola persona per quanto riguarda l’esenzione della Tari sull’abitazione principale; mentre nel regolamento generale si propone di aumentare le rate possibili ad un massimo di 24 e non più 15, con importi di 30 e non più 40 euro.

Nell’incontro avuto dai consiglieri comunali l’assessore al bilancio, Sandro Zaffina, aggiunge anche altre considerazioni, come quella della quota fissa e variabile che rimangono riproposte per lo stesso nucleo familiare per ogni abitazione posseduta quando difficilmente si producono gli stessi rifiuti contemporaneamente, invitando così a pensare riduzioni per le seconde case, precisando però come su circa 11 milioni di gettito in entrata dalla Tari la quota delle esenzioni sia minima.

Si riaffaccia anche il discorso delle mancate premialità per la raccolta differenziata, anche se quelle previste relativamente alle compostiere ha visto un appeal basso visto il numero di domande, e la porta a porta non riesce a raggiungere ogni parte del territorio (attualmente il 40% di riduzione vale solo per zone senza servizio e cassonetti a distanza di 2 km).

Torna anche in questa veste la questione delle risposte degli uffici alle richieste di esenzioni o riduzioni, con l’assessore a dare come valutazione l’obbligo sul controllo successivo e non preventivo di quanto dovuto.

Un dibattito sulla Tari che però arriva dopo la scadenza del 31 gennaio per le riduzioni relative al 2022, al netto di proroghe promesse ma ancora non ufficializzate ma che potrebbero essere ancora inserite essendo il termine dell’approvazione del bilancio di previsione 2022.

Tutti passaggi che dovranno essere comunque ratificati in consiglio comunale.

Più informazioni su