Quantcast

Approvato il bilancio consuntivo 2021 con qualche schermaglia politica in coda

In votazione poche sorprese con 12 favorevoli, 2 contrari, 4 astenuti.

Più informazioni su

Deliberato un mese fa in giunta, arriva in consiglio comunale il bilancio consuntivo 2021, ovvero il raffronto tra quanto previsto e quanto realmente riscontrato tra entrate ed uscite per il Comune.

Una discussione che sarebbe dovuta avvenire entro il 30 aprile, ma che per vari incastri arriva nella sala Luisi solo ora senza che a livello nazionale sia arrivata una proroga come avvenuto per gli anni precedenti o per il previsionale.

Approvato dalla giunta Mascaro il consuntivo 2021 che avrebbe dovuto essere discusso entro il 30 aprile

Nella relazione dell’assessore al bilancio, Sandro Zaffina, si anticipano temi che saranno poi ridiscussi anche a breve poiché legati al piano di riequilibrio che si propone di rivedere entro fine mese, per allineare i dati e poter rispettare la chiusura del rientro entro il dicembre 2023. Se i dati in generale hanno un trend di miglioramento (il disavanzo scende a 62.871.905,47 euro), ancora rimane sopra la soglia dei 30 giorni il pagamento medio delle fatture da parte del Comune (57 giorni), e rimangono i problemi sulla riscossione dei tributi (circa 13 milioni incassati in meno rispetto a quanto previsto) con il servizio che la terna commissariale avrebbe voluto esternalizzare in toto (procedura bloccata però con il ritorno degli organi di indirizzo politico).

Dopo il resoconto della discussione in commissione da parte del presidente Lorena, nel dibattito tra i consiglieri Piccioni (Lamezia Bene Comune) constata come le finanze locali siano più che ingessate per via dei vincoli normativi che il piano di riequilibrio impone e la spesa dei fondi per opere pubbliche non effettuata per la carenza di personale, Cittadino (Nuova Era) riporta l’attenzione sulla riscossione non solo non effettuata ma anche su quella richiesta errata chiedendo di guardare ai comuni più virtuosi, Gianturco (Fratelli d’Italia) lamenta la non presenza dei revisori chiamando Zaffina ad alcuni chiarimenti sulla relazione, Pegna (Udc) sottolinea il contesto di difficoltà in cui ha operato il bilancio 2021, Folino (Forza Italia) si concentra su alcune voci di spesa come i servizi sociali ritenute non all’altezza. Dalla maggioranza Spinelli esprime invece soddisfazione per il lavoro portato in aula.

Il sindaco Paolo Mascaro rivendica l’azione amministrativa portata avanti in tema di risanamento dei conti, ma ripartendo nuovamente dal 2015 al tempo suo primo insediamento, generando così il consueto battibecco politico con Piccioni in consiglio comunale di cui si potrebbe a fare a meno, aspetto evidenziato anche da Cittadino e Pegna nelle dichiarazioni di voto cui Piccioni non ha partecipato.

In votazione poche sorprese con 12 favorevoli, 2 contrari, 4 astenuti.

Più informazioni su