Quantcast

Lamezia in Danza annunciato al Teatro Grandinetti

Originariamente il calendario sarebbe dovuto partire il 27 maggio e terminare il 7 luglio con 40 associazioni aderenti e 43 spettacoli

Più informazioni su

L’associazione Progetto cultura esprime la propria soddisfazione per il riconoscimento della rassegna “Lamezia in Danza, festival di arte, musica e spettacolo”, finanziata nei progetti relativi al bando sugli interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e per la qualificazione ed il rafforzamento dell’offerta culturale presente in Calabria.

«Lo scopo principale dell’iniziativa è quello di sviluppare e divulgare la disciplina della danza, del ballo, del canto, del teatro, eventi sportivi e dell’educazione motoria in ogni sua forma, rivalutando, altresì, usi e costumi della tradizione calabrese» spiega il presidente Francesco Ruberto, rimarcando «la partecipazione sinergica di numerose scuole e accademie di danza, teatrali e musicali lametine e non, le quali portano in scena spettacoli di danza, musica e teatro, dall’elevato livello artistico e culturale, all’interno di un unico progetto di crescita e confronto, che si sviluppa attraverso un cartellone di eventi».

La manifestazione è prevista al Teatro Grandinetti, puntando anche alla tutela ambientale: verrà attivata la raccolta differenziata ad ogni evento promosso con la proiezione di un breve video con lo scopo di educare e sensibilizzare l’utente ad attivarsi nella tutela dell’ambiente.

Il tutto dovrà però interfacciarsi con le norme previste a livello nazionale per la pandemia da Covid-19, ma per Ruberto «questa opportunità rappresenta sicuramente una fase di rilancio per le associazioni coinvolte che dopo un lungo stop, potranno finalmente riprendere le attività. La rassegna intende raggiungere diverse fasce di pubblico proponendosi di accrescere la sensibilità e l’interesse verso la disciplina della danza e dell’arte in genere con la previsione di spettacoli che vanno dal balletto classico alla danza contemporanea e di ricerca, integrandola con manifestazioni di spettacoli musicali e teatrali, sportivi, e spettacoli di tradizione popolare e si propone, inoltre, quale occasione di scambio culturale ed educativo attraverso il coinvolgimento degli istituti scolastici cittadini nonché proponendosi quale “progetto di inclusione” attraverso il coinvolgimento di associazioni a sostegno delle disabilità prevedendone e promuovendone una partecipazione fattiva dei soggetti svantaggiati».

Originariamente il calendario sarebbe dovuto partire il 27 maggio e terminare il 7 luglio con 40 associazioni aderenti e 43 spettacoli, ma attualmente dovrà essere rivisto e concordato anche con il Comune stesso, non avendo attualmente l’amministrazione Mascaro affidato il bando di gestione del Teatro Grandinetti, approvato in giunta ed in consiglio comunale.

Più informazioni su