Quantcast

Si è conclusa la seconda edizione della rassegna “Ma che Musical…Maestro!”, svoltasi nell’Abbazia Benedettina foto

L’evento si inserisce all’interno del programma artistico della FITA (Federazione Italiana Teatro Amatoriale).

Più informazioni su

Si è conclusa la seconda edizione della rassegna “Ma che Musical…Maestro!”, svoltasi nell’Abbazia Benedettina di Sant’Eufemia a Lamezia Terme. La manifestazione è stata ideata e curata dalla Compagnia teatrale della Scuola di arti sceniche “A regola d’arte, con il supporto comunicativo di “Emmepi Produzioni” e la collaborazione del gruppo teatrale “Vercillo”. L’evento si inserisce all’interno del programma artistico della FITA (Federazione Italiana Teatro Amatoriale).

Quattro serate differenti per oggetto artistico ma tutte accomuniate da meticolosità scenica, professionalità artistica, ricchezza umana. Dopo una partenza nel segno di Pandemonium, si sono susseguite due serate- spettacolo che hanno portato in scena classici della letteratura con la rivisitazione artistica del performer Federico Voghera, nelle vesti di regista ed attore. A concludere la rassegna la comicità lametina del gruppo teatrale Vercillo, con la commedia “La Fortuna con la C maiuscola”.

“Siamo soddisfatti -ha dichiarato Tiziana De Matteo, direttrice associazione organizzatrice e presidente comitato provinciale Fita CZ – per una edizione nata dall’incertezza ma che ha saputo regalare al pubblico curiosità e serenità. Il progetto è stato portato avanti non solo e soltanto per animare l’estate calabrese, quanto e soprattutto per ritornare a far parlare del bello degli artisti, della cultura teatrale. Ringrazio – ha concludo De Matteo – quanti hanno creduto in noi ed hanno investito, senza limiti di tempo e fatica, in un progetto coraggioso ed ambizione ma sicuramente necessario. Grazie a chi ha collaborato, gli sponsor per il supporto economico ed i commissari prefettizi per la fattiva collaborazione. Un plauso lo rivolgo a tuti gli attori, ed alle realtà associative e scolastiche. Ringrazio gli alunni del liceo coreutico “Tommaso Campanella” e del liceo classico Fiorentino, per aver inserito l’evento in un contesto didattico ricordando la necessità di un teatro quale momento di crescita culturale”.

Soddisfazione giunge anche da Raffaele Paonessa, regista del gruppo Vercillo, che ha ammonito “sull’importanza di conoscere le ricchezze del nostro territorio, come appunto l’Abbazia, e di avere il coraggio di provare insieme, e forse timidamente, a riappropriarci delle nostre esistenze”. Ha ringraziato il pubblico per la dedizione con la quale segue la sua compagnia, invitando tutti il 2 agosto a Filadelfia per un’altra serata sotto le stelle.

Più informazioni su