Quantcast

Dieci anni di Color Fest, 3 giorni di live, 16 artisti in line-up, tutti in esclusiva per la Calabria, 2 palchi e dj set

L’11, 12 e 13 agosto all’Agriturismo Costantino di Maida

Più informazioni su

Dieci anni di Color Fest, tre giorni di live, sedici artisti in line-up, tutti in esclusiva per la Calabria, due palchi e dj set: si presenta così l’edizione 2022: “This must be the place”.

L’11, 12 e 13 agosto all’Agriturismo Costantino di Maida, tra le colline che affacciano sulle spiagge del vento di Lamezia Terme, torna uno dei principali appuntamenti dell’estate musicale italiana. Per i suoi dieci anni il Color Fest si prolunga di un giorno, nel consueto appuntamento di agosto, e avrà per la prima volta un headliner internazionale, i Notwist.

«Guardandomi indietro pensare ad una decima edizione sembrava un sogno – commenta il direttore artistico Mirko Perri – una montagna insormontabile. Erano tutti dei tentativi per capire se in Calabria si potesse creare una struttura festivaliera tale da durare 10 anni. Invece oggi possiamo confermare che This must be the place come cantavano i Talking Heads. Abbiamo scelto questo claim perché il Color Fest è diventato una casa, per noi e per il pubblico che arriva qui ogni anno da tutta Italia. Una casa da arredare, dove contenere sogni, memorie, speranze, tutte condivise con le migliaia di persone che qui si sono incontrate, conosciute ed emozionate grazie alla musica».

La line-up completa

Il festival con la sua linea artistica punta ad un pubblico in grado di abbracciare generazioni diverse. In line-up artisti in grado di coinvolgere le nuove generazioni come Psicologi, espressione della generazione post millennials, che raccontano, con flussi pop-rap, la complessità del mondo, e BNKR44 gruppo dedito all’arte in ogni sua forma che esplora sonorità dei tempi moderni e futuri.

Sul palco Color spazio anche ad artisti amati dal pubblico più adulto: arrivano i Notwist, tra i gruppi indipendenti più iconici della Germania nella loro unica tappa calabrese, e Nu Genea live band che, dopo la recente uscita di “Tianatè”, nuovo singolo inserito nelle playlist di tutto il mondo, portano al Color il loro nuovo album “Bar Mediterraneo”.

Mecna + Coco, portano “Bromance”, il loro primo disco collaborativo, un album che si muove tra sonorità rap, nu-soul ed R&B; Naska presenta il suo progetto con un sound al momento unico in Italia. Grande ritorno, dopo la partecipazione a diversi eventi promossi da Color, di N.A.I.P., con il suo eclettico progetto musicale tra batteria elettronica, synth, loop station, chitarra e voce.

Dopo aver dominato la classica Top Singoli per quattro settimane consecutive con “La canzone nostra”, disco d’oro inciso con Blanco e Salmo, al Color arriva Mace mentre non mancherà il promesso appuntamento dello scorso anno con Emma Nolde, giovane talento in grado di raccontare con la sua musica gli universi interiori di ognuno.

In line-up anche Emmanuelle, tra le figure più cosmopolite della scena milanese; Dumbo Gets Mad, il duo che ha iniziato il suo progetto a Los Angeles e ha debuttato con Elephants at the Door raggiungendo oltre 100.000 download digitali; Giuse the Lizia, l’artista di origini palermitane che con il suo primo EP, “Come minimo”, ha conquistato il panorama musicale italiano.

E ancora i Savana Funk, essenza della live band che unisce funk, rock e blues con jam incendiarie, groove irresistibili che sta iniziando a conquistare anche l’Europa; Marco Castello, il giovane musicista siciliano, polistrumentista abile di penna oltre che di voce.

Non mancherà la freschezza di GINEVRA che dopo il successo del singolo “Soli”, in collaborazione con Ghemon e Mecna, ha duettato a Sanremo con La Rappresentante di Lista accanto a Cosmo e Margherita Vicario, e il post-punk cupo ed emotivo dei Gomma, catapultati su alcuni dei palchi più importanti d’Italia, affascinando pubblico e critica, grazie all’originale e istintivo punto di vista sul mal d’essere contemporaneo. Ad accompagnare il pubblico da un live all’altro il dj resident del festival Fabio Nirta.

Anche quest’anno l’intento è quello di unire, non solo dal punto di vista artistico con gruppi, artisti e progetti differenti: «Fare cultura – conclude Mirko Perri – significa anche creare attraverso la musica un contesto di condivisione capace di unire generazioni e culture, di metterle a confronto e creare una comunità ancora più grande».

La grafica di Color Fest 10, curata da Roberto Gentili, prende forma dall’idea di omaggiare i paesaggi collinari che abbracciano Lamezia Terme scendendo dolcemente verso il mare, esaltando il connubio perfetto che ha fatto di Color un successo, quello tra musica, arte e natura.

Più informazioni su