Martedi, 17 luglio 2018 ore 00:27  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

«Lamezia rappresenta per noi la principale area di relazioni della Calabria con il resto del Paese e del mondo»

Il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, ha inaugurato questa mattina l’Unità Operativa di Riabilitazione, che fa parte del Polo integrato INAIL dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro

Lamezia-rappresenta-per-noi-la-principale-area-di-relazioni-della-Calabria-con-il-resto-del-Paese-e-del-mondo
Mercoledì 11 Luglio 2018 - 16:30

Dopo il taglio del nastro e l’apertura del Centro Protesi Inail avvenuta il 15 gennaio scorso, il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, ha inaugurato questa mattina l’Unità Operativa di Riabilitazione, che fa parte del Polo integrato INAIL dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro, la cui piena operatività viene ulteriormente spostata tra settembre ed ottobre rispetto all'annuncio di poter avere tutto avviato per aprile. 
Alla cerimonia inaugurale, che si è svolta presso la Fondazione Mediterranea Terina,  hanno preso parte, oltre al Presidente Oliverio, anche il Vescovo di Lamezia Cantafora, il Direttore Generale dell’INAIL Giuseppe Lucibello, il Commissario ad Acta per il Piano di Rientro Massimo Scura, il Dirigente Generale del Dipartimento Salute della  Regione Calabria Bruno Zito, il Direttore Generale dell’ASP di Catanzaro Giuseppe Perri, il Rettore dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, Giovambattista De Sarro, il responsabile dell’U.O.C. Riabilitazione Maurizio Iocco, numerosi cittadini, autorità civili e religiose del territorio. L’Unità Operativa ospita 26 posti letto di riabilitazione intensiva di tipo ospedaliero e un modulo di 10 posti di riabilitazione estensiva e a Ciclo continuativo (RECC).
«Oggi scriviamo un’altra pagina importante per la sanità calabrese. Un altro impegno è stato mantenuto ed oggi mettiamo finalmente la parola “fine” ad una lunga telenovela durata oltre venti anni», ha detto Oliverio nel suo breve intervento, «subito dopo il mio insediamento, il 15 gennaio del 2015 incontrai il direttore generale dell’Inail Giuseppe Lucibello proprio con l’intento di riprendere un cantiere che era stato aperto quando era presidente della Regione Pino Nisticò. Da allora si sono succeduti 5 presidenti di Regione e quel cantiere è rimasto sempre fermo, bloccato. Noi lo abbiamo riaperto ed oggi lo chiudiamo. Nel nostro programma ci siamo dati come obiettivo quello di completare le opere incompiute e, una dopo l’altra, le stiamo portando a compimento».
Secondo Oliverio «siamo al completamento di un “cantiere” che consegna una eccellenza alla Calabria, frutto della cooperazione tra l’Inail e la Regione Calabria. Una struttura che arricchisce il territorio con prestazioni sanitarie di eccellenza, unica nel Mezzogiorno d’Italia, che servirà non solo la Calabria ma, mi permetto di dire con un pizzico di ambizione, dovrà avere come obiettivo l’intero bacino del Mediterraneo, perché qui siamo in un nodo nevralgico fondamentale della mobilità regionale. Lamezia, infatti, rappresenta per noi la principale area di relazioni della Calabria con il resto del Paese e del mondo».
Il presidente della giunta regionale reputa che «in questi anni abbiamo investito molto sulla ricerca e sulle specializzazioni in sinergia con le università calabresi. Mi auguro che tutto ciò aiuti a fare crescere, dal punto di vista della ricerca e delle specializzazioni, anche questa eccellenza investendo su talenti e professionalità calabresi che attendono di essere incoraggiate e valorizzate per creare anche qui, in Calabria, una scuola di eccellenza in questo settore specifico. Questo, e non le chiacchiere o gli annunci, è l’unico modo per consentire ai nostri migliori talenti, ai nostri migliori cervelli, di rimanere nella loro terra. Questa struttura, tra l’altro, è l’esempio concreto di come anche in Calabria si possono realizzare livelli di qualità e prestazioni di eccellenza tali da consentire ai cittadini di curarsi sulla base di una libera scelta e non perché obbligati o sfiduciati rispetto alle nostre strutture sanitarie. La cura della salute è il primo dei diritti che bisogna garantire ai cittadini e che deve essere esercitato. E’ possibile farlo anche nella nostra regione che non ha nulla da invidiare alle altre regioni italiane».
Le polemiche con il commissario al piano di rientro, Massimo Scura, presente allo stesso tavolo con il solo direttore generale dell'Asp, Giuseppe Perri, a dividerlo da Oliverio, per una giornata son state taciute da ambo i lati.




ULTIMISSIME