Mercoledi, 17 ottobre 2018 ore 12:36  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
CRONACA

Operazione Via col Vento, ai domiciliari il sindaco di Cortale e sequestrato hotel ristorante a Maida

Per alcuni degli indagati il gip ha dichiarato l'incompetenza del tribunale di Reggio Calabria e ha trasmesso gli atti alla Dda di Catanzaro e, per Scalfaro, alla Procura di Lamezia Terme. 

Operazione-Via-col-Vento-ai-domiciliari-il-sindaco-di-Cortale-e-sequestrato-hotel-ristorante-a-Maida
Giovedì 12 Luglio 2018 - 9:14

di Antonio Capria

È in corso dalle prime ore di questa mattina, in varie località del territorio nazionale, una vasta operazione dell’Arma dei Carabinieri di Reggio Calabria, denominata "Via col vento",  in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal gip Maria Cecilia Vitolla nei confronti di 13 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, illecita concorrenza con violenza o minaccia e danneggiamento, aggravati dal metodo o delle finalità mafiose, e induzione indebita a dare o promettere utilità. Tra gli arrestati vi sono il sindaco di Cortale, Francesco Scalfaro, che è stato sottoposto alla misura dei domiciliari, e 6 imprenditori.

Scalfaro, in particolare, è accusato di concussione, perché, abusando della qualità e dei suoi poteri di sindaco del Comune di Cortale - si legge nel capo d'accusa - induceva un altro indagato, Giuseppe Evalto, referente di zona di una società, a promettergli indebitamente l'assunzione di tre operai, quale ricompensa per non aver creato problemi nell'iter amministrativo di approvazione dei lavori di costruzione del cosiddetto "by-pass di Cortale",  un'opera necessaria per permettere di trasportare le pale eoliche dal porto di Crotone al parco eolico di Amaroni. A fronte nel ritardo nell'assunzione, spiegano i magistrati, il sindaco poneva in essere atti pregiudizievoli, come ad esempio la chiusura al transito per dieci giorni della strada appena fuori dal centro di Cortale abitualmente percorsa dai camion che lavoravano per l'azienda.

In carcere sono finiti:

  • Giuseppe Evalto (’63), nativo di Spilinga e residente a Pizzo;
  • Antonino Paviglianiti (’65), nativo di Reggio Calabria e residente a Bagaladi;
  • Rocco Anello (’61) di Filadelfia;
  • Giuseppe Errico (’54) di Cutro;
  • Romeo Ielapi (’72) di Filadelfia;
  • Pantaleone Mancuso “Luni Scarpuni” (’61) di Limbadi;
  • Giovanni Trapasso (’48) di Cutro

Il gip ha disposto l’applicazione della misura degli arresti domiciliari per:

  • Domenico Fedele D’Agostino (’58), nativo di Mileto e residente a Vibo;
  • Francesco Scalfaro (’59), sindaco di Cortale
  • Riccardo Di Palma (’72) nato in Australia e residente a San Lupo (BN);
  • Mario Fuoco (’59) di Crotone;
  • Giovanni Giardino detto Giancarlo (’72) di Maida;
  • Mario Scognamiglio (’77) di Napoli.

Sono state inoltre sequestrate 6 imprese per un valore di 42 milioni di euro:

  1. Autotrasporti F.E. srl di Pizzo;
  2. La Molisana Trasporti srl di Fiumicino;
  3. Paviglianiti srl di Reggio Calabria;
  4. Ditta Ielapi Romeo di Filadelfia;
  5. Hipponion Global Security Service di Vibo (formalmente D'Agostino Domenico impresa individuale);
  6. Hotel "Ulisse Risotrante Nausicaa dal 1972" di Maida.

Le attività investigative, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri, hanno permesso di accertare la sistematica infiltrazione delle cosche calabresi - Paviglianiti di San Lorenzo,  Trapasso di Cutro, Mancuso di Limbadi e Anello di Filadelfia - nei lavori necessari alla realizzazione dei parchi eolici nelle province di Reggio Calabria, Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia.

Nel corso delle indagini sono stati documentati numerosi episodi estorsivi in danno delle aziende committenti, perfezionati grazie all’apporto di imprese colluse con le compagini mafiose egemoni sulle aree in cui sono state realizzate le opere.

Per alcuni degli indagati il gip ha dichiarato l'incompetenza del tribunale di Reggio Calabria e ha trasmesso gli atti alla Dda di Catanzaro e, per Scalfaro, alla Procura di Lamezia Terme. 




ULTIMISSIME
LameziaInforma.it