Mercoledi, 17 ottobre 2018 ore 11:43  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
CRONACA

Le mozzarelle dei Casalesi imposte a Lamezia Terme come patto con i Giampà

Emerge nelle dichiarazioni del pentito Roberto Vargas, ex braccio destro di Nicola Schiavone che, a quest’ultimo, nella ricostruzione data da Il Mattino

Le-mozzarelle-dei-Casalesi-imposte-a-Lamezia-Terme-come-patto-con-i-Giamp
Venerdì 03 Agosto 2018 - 15:23

Un patto tra Casalesi e Giampà, tra camorra ed ndrangheta, emerge nelle dichiarazioni del pentito Roberto Vargas, ex braccio destro di Nicola Schiavone che, a quest’ultimo, nella ricostruzione data da Il Mattino attribuisce un patto con i terroristi islamici per uccidere l’ex procuratore aggiunto di Napoli, Federico Cafiero De Raho, oggi a capo della Dna.
Dietro i rapporti tra Campania e Calabria la mozzarella dei Casalesi. «Portammo la mozzarella a Lamezia Terme a Benincasa, grossista di pesce ed esponente della Ndrangheta per conto della famiglia Giampà, che ci aiutava nell’imposizione della mozzarella in quelle zone», dichiara Vargas, «io e Walter portammo dei provini di mozzarella da fare assaggiare ai diversi ristoratori di Lamezia Terme».
L’amicizia tra gli Schiavone e Benincasa nacque, secondo Vargas, durante il periodo in cui Benincasa  era al 41 bis assieme a Sandokan. «Sono stato ospite di Benincasa - le rivelazioni di Vargas - su incarico della moglie di Francesco Schiavone al fine di occuparmi della distribuzione del pesce in maniera esclusiva stabilendo un contatto diretto con la ‘ndrina. Walter eredità il business della mozzarella e il patto con i calabresi tra il 1999 e il 2000».




ULTIMISSIME
LameziaInforma.it