Venerdi, 14 dicembre 2018 ore 20:53  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Candidabilità ex sindaco Mascaro, le reazioni della politica

Primi ad esprimersi esponenti del centrodestra

Candidabilit-ex-sindaco-Mascaro-le-reazioni-della-politica
Mercoledì 08 Agosto 2018 - 11:30

Il giorno dopo il pronunciamento del Tribunale di Lamezia Terme che ha confermato la candidabilità dell'ex sindaco Paolo Mascaro arrivano le prime reazioni.
Dal centrodestra Francesco De Sarro (Vice Coordinatore Provinciale di Forza Italia) e Giuseppe Spinelli (Coordinatore Cittadino Forza Italia) plaudono «non solo per il risultato giudiziario, che restituisce all’uomo, al politico, al professionista, quelle credenziali di rettitudine ed onesta’, che sempre ne hanno caratterizzato l’operato nella nostra comunità. Ma anche, e con speciale soddisfazione, perché dalle pagine della sentenza è emersa chiara, la sua azione di contrasto alla criminalità organizzata, in termini di concretezza ed efficacia, e giammai confinata a mere posizioni declamatorie, in quanto esercitata “sul campo” e con atti concreti, citati nel provvedimento dei Giudici  lametini. Il tutto nell’ambito di un armonico lavoro di Giunta ed in correlata sintonia con la sua maggioranza».
Nello stesso alveo politico, Davide Nicolazzo di Cittadini Attivi In Politica, rimarca che «il Sindaco Mascaro avrà la possibilità di ricandidarsi perché si è ritenuto che il suo comportamento e quello della giunta sia stato di contrasto alla criminalità. Una sentenza che, gettando luce sulle tenebre che hanno avvolto la città in seguito allo scioglimento, restituisce onore e dignità all’ex primo cittadino che, da sempre, ha gridato la sua innocenza e quella dell’amministrazione da lui guidata. Noi di Cittadini Attivi in Politica ci riteniamo soddisfatti per la sentenza in favore dell’ex Sindaco e rimaniamo fiduciosi anche per il ricorso al Tar».
Domenico Tallini, Coordinatore Provinciale Forza Italia Catanzaro, ieri reputava che «da una lettura serena della sentenza del tribunale, sia pure limitata alla richiesta di incandidabilità presentata dal ministero dell’interno, emerge nettamente l’estraneità di Paolo Mascaro e della sua amministrazione dalle dinamiche che hanno prodotto lo scioglimento del Consiglio comunale. La restituzione dell’onore politico a Paolo Mascaro e alla sua esperienza amministrativa purtroppo brutalmente interrotta sono motivo di soddisfazione soprattutto per un partito garantista come Forza Italia che è contrario ai giudizi sommari e alla gogna mediatica prima degli opportuni approfondimenti. Anche se la sentenza non ripaga Paolo Mascaro delle amarezze subite, sicuramente fornisce un forte contributo alla ricerca della verità e introduce motivi di riflessione sullo scioglimento del Consiglio comunale».
«Il tribunale di Lamezia, restituendo all’ex sindaco Paolo Mascaro il diritto di candidarsi, ha ripristinato il rispetto della volontà popolare aprendo lo spiraglio per una nuova fase di lavoro e di impegno politico e amministrativo». Lo ha affermato il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, apprendendo la notizia della sentenza che toglie qualsiasi dubbio sulla correttezza dell’operato del sindaco e della sua giunta risultando assolutamente estranei a condizionamenti esterni da parte della criminalità. «Il provvedimento del Tribunale di Lamezia – ha proseguito Abramo -  ha, dunque, dato attuazione al principio di legalità e ridato a Mascaro l’onore politico per la sua riconosciuta correttezza amministrativa, purtroppo brutalmente interrotta dalle accuse contenute nella relazione del ministero dell'Interno sulla base delle quali è stato sciolto il Comune della Piana, privando la comunità di Lamezia della sua rappresentanza legittimamente eletta. Non  posso che esprimere grande soddisfazione per la fine di una vicenda che ha segnato la vita personale di un amministratore  a cui mi lega  un ottimo rapporto personale e con il quale avevamo intrapreso un cammino amministrativo condiviso nell’interesse dello sviluppo dell’asse Catanzaro - Lamezia. Un incubo, quello vissuto da  Mascaro - senza contare i risvolti umani della vicenda - che ha dovuto far fronte ad accuse pesantissime con conseguenze drammatiche a livello personale e politico. Oggi nessuno potrà ridargli quello che ha perso, ma almeno è arrivata la soddisfazione di un’assoluzione piena e totale. Una pronuncia che dimostra, oltre che la correttezza dell’operato come sindaco, più in generale anche la bontà dell’azione amministrativa nel suo Comune. A Paolo, dunque, va il mio abbraccio forte che voglio estendere ai suoi familiari che insieme a lui hanno vissuto giorni di ansia e inquietudine».




ULTIMISSIME