Giovedi, 16 agosto 2018 ore 21:39  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
ISTITUZIONE

Niente agibilità per gli impianti sportivi comunali senza attestazione prestazione energetica

Dato oggi l'incarica al professionista disponibile dal 30 maggio, che ora dovrà verificare tutto in 80 giorni

Niente-agibilit-per-gli-impianti-sportivi-comunali-senza-attestazione-prestazione-energetica
Venerdì 10 Agosto 2018 - 10:45

Dopo i Cpi, sono ora le Ape gli acronimi che nel 2018 confermano l'anno degli imprevisti burocratici per via Perugini, con anche certificazioni standard come quelle delle prestazioni energetiche che risultano non presenti per gli impianti sportivi comunali, il tutto in contemporanea con l'inizio della preparazione per i campionati di calcio e a circa un mese dall'avvio delle stagioni delle altre discipline.
Tra i professionisti iscritti all'apposito albo comunale, oggi (facendo però seguito alla conferma di disponibilità avuta il 30 maggio) l'amministrazione comunale lametina ha dato mandato all'architetto Roberto Carpino, che ha la qualifica specifica a rilasciare la certificazione richiesta Attestazione Prestazione Energetica (APE), prevedendo che le spese di onorario e accessorie saranno complessivamente e presuntivamente di 6.840,85 euro.
Tra circa due settimane però è già prevista la prima gara ufficiale (il 26 agosto l'impegno casalingo di Coppa della Promosport), senza tali certificati non si potrà rilasciare l'agibilità degli impianti (e già le società calcistiche son state iscritte con riserva, quelle che dovrebbero usare il Palasparti hanno dovuto optare per sedi alternative fidandosi delle rassicurazioni di via Perugini che per settembre l'impianto di via Marconi avrebbe riaperto, ma ad oggi ancora non c'è affidamento dei lavori previsti) per i quali ad oggi non c'è ordinanza di chiusura (rimane per alcuni vigente solo l'obbligo di giocare a porte chiuse). In mezzo ferragosto, le ferie estive nei vari enti, e quindi una corsa contro il tempo, se non fosse che al professionista vengono dati 80 giorni per completare l'incarico, nel quale non vengono specificati quanti e quali siano gli impianti da dover controllare, ma si chiede invece:
raccolta della documentazione esistente degli impianti sportivi comunali;
esecuzione dei rilievi planimetrici e degli impianti elettrici e di riscaldamento degli immobili comunali;
redazione degli elaborati grafici e di tutta la documentazione prevista dalle norme vigenti;
verifica sui materiali di costruzione e sugli impianti esistenti;
rilascio della certificazione (APE) attestazione prestazione energetica
g.g.




ULTIMISSIME