Martedi, 11 dicembre 2018 ore 15:37  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Domani corrispondenti della stampa estera e giornalisti italiani in visita alla Progetto Sud

L’evento Con il Sud, prima e dopo è promosso dalla Fondazione con il Sud in occasione del suo dodicesimo compleanno

Domani-corrispondenti-della-stampa-estera-e-giornalisti-italiani-in-visita-alla-Progetto-Sud
Mercoledì 10 Ottobre 2018 - 16:20

Domani e venerdì corrispondenti della stampa estera e giornalisti italiani incontreranno esperienze significative di legaltià a Lamezia Terme, nella Locride e nella piana di Gioia Tauro.
Domani alle 16 ci sarà una visita e incontro con la Comunità Progetto Sud guidata da don Giacomo Panizza, descritta come «da anni impegnata nel promuovere percorsi di legalità e inclusione sociale, rivolti a persone con disabilità, rom e giovani, in particolare attraverso attività ludiche, di formazione professionale e inserimento lavorativo».
Sabato ci sarà un incontro pubblico a Polistena presso il Centro Padre Pino Puglisi, in un bene confiscato alla ‘ndrangheta, con un faccia a faccia di Giovanni Minoli con Nicola Gratteri, procuratore di Catanzaro.
L’evento, “Con il Sud, prima e dopo”, è promosso dalla Fondazione con il Sud in occasione del suo dodicesimo compleanno e intende mettere in risalto, soprattutto, l’impegno nel modificare il presente testimoniato dalle tante esperienze (oltre mille) sostenute in questi anni dalla Fondazione. «Un’occasione per scoprire o conoscere da vicino particolari esperienze, organizzazioni, donne e uomini, che in Calabria stanno segnando una svolta concreta nell’approccio allo sviluppo – si legge in una nota - un viaggio dedicato soprattutto a chi ha voglia di conoscere e raccontare un pezzo di Italia in cui si sperimentano davvero una società e un’economia solidali, fuori dal pensiero unico e dalla retorica. Un viaggio che parte da Lamezia Terme e giunge nella Piana di Gioia Tauro e nella Locride, per vedere, ascoltare e incontrare questi segni tangibili di una rivoluzione silenziosa e lenta di rinnovamento del Sud, che sfida il potere mafioso ma anche la rassegnazione e l’attendismo».




ULTIMISSIME