Martedi, 20 novembre 2018 ore 16:18  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
CRONACA

Una Guardia di Finanza 2.0 ed un pool di 20 magistrati dietro i sequestri di oggi alle cosche lametine (VIDEO)

Secondo  il procuratore della Repubblica di Catanzaro, capo della Dda, Nicola Gratteri, ogni 10 giorni c'è un sequestro

Una-Guardia-di-Finanza-20-ed-un-pool-di-20-magistrati-dietro-i-sequestri-di-oggi-alle-cosche-lametine-VIDEO
Mercoledì 17 Ottobre 2018 - 15:1

Lo ha detto chiaramente il procuratore della Repubblica di Catanzaro, capo della Dda, Nicola Gratteri, nel corso della conferenza stampa sui 6 sequestri eseguiti contro cosche di 'ndrangheta operanti nel distretto giudiziario catanzarese.
«Sono riuscito a coinvolgere ormai - ha aggiunto Gratteri - tutti i magistrati della Procura di Catanzaro, anche i magistrati della Procura ordinaria ora stanno facendo e faranno misure di prevenzione assieme ai magistrati della Procura antimafia. Abbiamo quindi raddoppiato il numero dei magistrati che fanno misure di prevenzione, ora ne abbiamo 20: un aumento esponenziale di quest'arma formidabile che - ha rilevato il procuratore - è quella di togliere la ricchezza ai mafiosi. Abbiamo sostanzialmente creato una scuola all'interno della Procura, nella quale sono già inseriti anche i colleghi più giovani arrivati da poco. In media ogni 10 giorni c'è un sequestro, e questo fa capire che, oltre agli elogi, parlano i fatti e i risultati, che - ha sostenuto Gratteri - sono quelli che servono per motivare le forze dell'ordine come i finanzieri per i loro sacrifici e i miei colleghi».
All'incontro con i giornalisti è intervenuto anche il comandante regionale delle Fiamme Gialle, generale Fabio Contini: «su tutta la Calabria la Guardia di Finanza è presente con le sue specificità di intervento, che consentono sequestri come quelli attuali, portati a termine grazie alla capacità di individuare differenze non giustificabili tra redditi e disponibilità. Se vogliamo è una Guardia di Finanza 2.0 visto che oggi va di moda estensioni di tipo informatico. Cioè, la polizia tributaria non si limita a fare solo verifiche sic et simpliciter ma va a controllare nel dettaglio le situazioni: tutto questo - ha proseguito il generale Contini - non sarebbe possibile senza l'appoggio di una procura che si caratterizza per un'immediatezza dei provvedimenti e per una guida sapiente e competente. Con loro parliamo la stessa lingua e i risultati sono la riprova».




ULTIMISSIME