Venerdi, 26 aprile 2019 ore 00:04  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

«Deluso dall'atteggiamento che hanno avuto le istituzioni in un anno in cui l’U.Di.Con. ha dato vita ad una serie di iniziative molto importante»

Una riunione programmatica prevista venerdì alle 10 vedrà protagonista l’U.Di.Con. – Unione per la difesa dei Consumatori – in Calabria, a Lamezia Terme, presso il T Hotel

Deluso-dall-atteggiamento-che-hanno-avuto-le-istituzioni-in-un-anno-in-cui-lUDiCon-ha-dato-vita-ad-una-serie-di-iniziative-molto-importante
Mercoledì 23 Gennaio 2019 - 11:23

Una riunione programmatica prevista venerdì alle 10 vedrà protagonista l’U.Di.Con. – Unione per la difesa dei Consumatori – in Calabria, a Lamezia Terme, presso il T Hotel. Tanti i temi all’ordine del giorno voluti personalmente dal Presidente Nazionale dell’associazione, Denis Nesci, che si è detto «deluso dall’atteggiamento che hanno avuto le istituzioni in un anno in cui l’U.Di.Con. ha dato vita ad una serie di iniziative molto importante, volte sempre a costruire e mai a distruggere, eppure nessuno si è affacciato alla porta dell’associazione per chiedere un’azione comune. Questo non ha però frenato la volontà dell’Unione per la difesa dei consumatori, che ha deciso di chiamare nuovamente a raccolta tutte le sedi calabresi per calendarizzare il 2019».
Il dibattito abbraccerà questioni come sanità, infrastrutture, energia e settore idrico. «Vogliamo dare nuova linfa vitale ai cittadini della Calabria, stiamo assistendo, e cito una problematica per provincia, a vicende come quelle che hanno colpito l’ospedale di Locri, all’assenza di acqua per giorni a Vibo Valentia, alle strade disastrate del catanzarese e non solo, alle discariche di Crotone o ai problemi del pronto soccorso dell’Annunziata a Cosenza – scrive in una nota il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nesci – stare fermi non porta altro che al deterioramento definitivo di una Regione che già soffre l’abbandono delle istituzioni. Se ad abbandonare la battaglia fossero anche i calabresi stessi, non ci sarebbe più nulla da fare». 




ULTIMISSIME