Giovedi, 23 maggio 2019 ore 12:04  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
SCUOLA E UNIVERSITA'

Tra lingue, cultura e turismo l’esperienza di 15 studenti del Campanella a Bordeaux

Hanno avuto l’opportunità per 3 settimane di mettere alla prova sul campo le conoscenze e competenze linguistiche acquisite in classe, operando in diversi settori e realtà professionali della città francese

Tra-lingue-cultura-e-turismo-lesperienza-di-15-studenti-del-Campanella-a-Bordeaux
Sabato 16 Marzo 2019 - 8:40

Lingue, turismo, promozione culturale, integrazione. Un’esperienza formativa e professionale a 360 gradi quella vissuta da 15 studenti liceo “Campanella” di Lamezia Terme, protagonisti a Bordeaux del percorso di alternanza scuola-lavoro “Dans le tourisme”. 
Guidati dai docenti Francesco Vasta e Carmen Marra, gli studenti, individuati in base a precisi criteri di merito tra gli studenti del triennio avendo come prerequisito l’aver conseguito la certificazione linguistica B1, hanno avuto l’opportunità per 3 settimane di mettere alla prova sul campo le conoscenze e competenze linguistiche acquisite in classe, operando in diversi settori e realtà professionali della città francese: dall’attività di reception e accoglienza in alcune strutture alberghiere d’eccezione del territorio, al servizio di guide turistiche, alla scuola di lingua e marketing. 
Il progetto portato avanti dall’istituto superiore diretto da Giovanni Martello rientra nell’ambito dei programma operativo nazionale, finanziato con fondi strutturali europei, “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020, finalizzato al potenziamento dei percorsi di alternanza scuola – lavoro. Per i docenti responsabili della progettazione e realizzazione dell’attività, Franco Ferrise e Ivana Zaffina, «la progettazione europea rappresenta uno strumento utile per  aprire il mondo della scuola al mondo esterno. L’alternanza scuola lavoro è un’opportunità in grado di integrare i sistemi dell’istruzione, della formazione e del lavoro attraverso una collaborazione produttiva tra i diversi ambiti, con l’obiettivo di creare un luogo dedicato all’apprendimento in cui i ragazzi siano in grado di imparare concretamente gli strumenti del “mestiere” in modo responsabile e autonomo».
Soddisfazione da parte dei docenti che hanno seguito gli studenti nel corso delle 3 settimane, Marra e Vasta, per i quali «i nostri ragazzi tornano a casa con una consapevolezza in più sul valore e le potenzialità della conoscenza delle lingue. La lingua francese, nel nostro caso, si è rivelata uno strumento per far loro muovere i primi passi in un mercato del lavoro europeo, confrontarsi con ambienti professionali diversi, rafforzare una visione europea del proprio futuro formativo e professionale. Un ringraziamento agli studenti per aver dato con il loro entusiasmo una carica in più a questo progetto e ai tutor che li hanno seguiti sul posto e supportati nelle varie fasi del percorso»
«Grazie a un buon uso dei fondi europei che da anni ormai contraddistingue la nostra scuola – ha dichiarato il dirigente scolastico Giovanni Martello– abbiamo offerto ai nostri studenti la possibilità di vivere un percorso di alternanza scuola-lavoro all’estero. Conoscere l’Europa attraverso questa esperienza può facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro e offrire più di un vantaggio in termini di crescita umana e professionale. Arricchire all’estero il proprio percorso di studio, tramite un’esperienza che insegna a crescere come persone, significa diventare più concreti e soprattutto aiuta a capitalizzare la propria esperienza attraverso un sistema di placement più efficiente».
 




ULTIMISSIME