Domenica, 22 settembre 2019 ore 06:27  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Nuovo confronto domani in Comune sull'inagibilità strutturale diffusa lametina

La terna commissariale incontrerà domani il Vice Presidente della Camera dei Deputati

Nuovo-confronto-domani-in-Comune-sull-inagibilit-strutturale-diffusa-lametina
Lunedì 20 Maggio 2019 - 18:0

Domani alle 15 si terrà un incontro istituzionale fra il Vice Presidente della Camera dei Deputati, Fabio Rampelli, e la commissione straordinaria che amministra il Comune di Lamezia Terme. «Nell’occasione, oltre ai consueti saluti di cortesia istituzionale, si discuterà delle problematiche relative alla chiusura degli impianti sportivi e culturali che da ormai molti mesi stanno creando notevole disagio alla città», spiega l’ex consigliere comunale Mimmo Gianturco, «abbiamo voluto organizzare questo incontro per dare continuità al lavoro svolto nei mesi scorsi a tutela del territorio e delle associazioni sportive, culturali e sociali che da mesi, a seguito delle chiusure del Palasparti, dei vari stadi cittadini, del teatro Grandinetti ecc, stanno subendo notevoli difficoltà, e per ribadire con tutte le nostre forze, che Lamezia vuole la riapertura delle strutture pubbliche per rilanciare la socialità e l’economia in una città martoriata da anni di mala gestione. Dopo gli scioperi, le manifestazioni, i diversi incontri, abbiamo ritenuto opportuno far intervenire anche le istituzioni nazionali per sensibilizzare ancora una volta la commissione straordinaria».
All’incontro prenderanno parte: Fabio Rampelli – Vice Presidente Camera dei Deputati; Commissione straordinaria Comune di Lamezia Terme; Saverio Mirarchi – Presidente FIGC Calabria; Mimmo Gianturco – ex consigliere comunale; Rosario Aversa – Vice coordinatore regionale Fratelli d’Italia; delegazione delle varie associazioni sportive, culturali e sociali lametine.
Per Prefetto e Ministro dell'Interno però l'operato della terna è stato già oggetto di fiducia con la proroga fino al termine di novembre, nè nessuno in città ha presentato entro il termine del 2 maggio osservazioni sul piano triennale delle opere pubbliche che non prevede riaperture immediate delle strutture, ed anzi complica anche il completamento di altre ancora in costruzione come concattedrale e nuovo palasport.
g.g.




ULTIMISSIME