Giovedi, 20 giugno 2019 ore 15:14  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
ISTITUZIONE

Sfrattato lo Sprar da via Cassiodoro, Comune stanzia 12.000 euro per misura di alloggio alternativa

A febbraio dichiarato inagibile ed abusivo un bene confiscato usato da anni senza rilievi

Sfrattato-lo-Sprar-da-via-Cassiodoro-Comune-stanzia-12000-euro-per-misura-di-alloggio-alternativa
Mercoledì 22 Maggio 2019 - 14:55

L'uso di un bene confiscato alla criminalità, dichiarato inagibile ed abusivo dopo anni di utilizzo secondo gli uffici comunali (sebbene nell'elenco pubblicato tra i beni si parli di “fabbricato a due piani fuori terreno, con piccolo cantinato con accesso dall'interno della abitazione con terreno di pertinenza”, ma nessuna altra osservazione), diventa un diverso contributo per lo "Sprar Due Soli” di Lamezia Terme da parte del Comune stesso sotto la gestione commissariale.
A novembre 2017 era stato affidato il servizio per il triennio 2017/2019 per un importo annuo complessivo di 662.825 euro, di cui 629.683,75 di contributo ministeriale e 33.141,25 di cofinanziamento comunale (divisi tra l'uso di personale, strutture, fondi materiali).
Il 12 febbraio è stato però disposto lo sgombero dell'immobile di Via Cassiodoro, a causa della pervenuta comunicazione di inagibilità e mancanza di concessione edilizia, ed una prima soluzione era stata ricollocare i 12 ospiti sfrattati in altra struttura. Nel follw up del Ministero dell'Interno inviato ad aprile, a seguito della visita di monitoraggio effettuata il 27 e 28 febbraio, il Servizio Centrale ha rilevato, fra le altre criticità, quella relativa al mancato ripristino dei 12 posti finanziati e ha invitato l'Ente Locale ad adeguarsi per avere nuovamente 45 posti. Secondo la terna commissariale «il Comune di Lamezia Terme non dispone di altri immobili idonei da poter utilizzare per l'accoglienza di 12 beneficiari Sprar e che pertanto è stato valutato di sostituire, per l'annualità 2019, il cofinanziamento previsto attraverso la valorizzazione dell'immobile di Via Cassiodoro, con l'erogazione dei corrispondenti 12.000 euro agli enti gestori che provvederanno all'individuazione di appartamenti idonei siti nel Comune, e al pagamento del B&B per 2 beneficiari per 7 giorni per il servizio effettuato nel mese di febbraio (238 euro)».
Da capire poi, visto l'andazzo nazionale, quale sarà il destino di tali centri scaduto il rapporto triennale al termine dell'anno.
g.g.




ULTIMISSIME