Mercoledi, 21 agosto 2019 ore 13:39  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
INPROVINCIA

Sequestrati a Curinga 350 mq di spiaggia arbitrariamente occupata mediante il posizionamento di piante, ombrelloni e pavimentazione con betonelle

Mercoledì personale dell’Ufficio Locale Marittimo di Pizzo ha deferito il responsabile all’Autorità Giudiziaria e sottoposto a sequestro l’area e le opere. 

Sequestrati-a-Curinga-350-mq-di-spiaggia-arbitrariamente-occupata-mediante-il-posizionamento-di-piante-ombrelloni-e-pavimentazione-con-betonelle
Venerdì 19 Luglio 2019 - 12:20

Mercoledì personale dell’Ufficio Locale Marittimo di Pizzo in località Sirene del Comune di Curinga ha sequestrato 350 mq di spiaggia arbitrariamente occupata mediante il posizionamento di piante, ombrelloni e pavimentazione con betonelle. 
Gli agenti impegnati in attività di pattugliamento e controllo, sotto il coordinamento dalla Capitaneria di porto di Vibo Valentia Marina, hanno accertato, nello specifico, che su parte dell’arenile erano state posizionate alcune mattonelle di cemento a formare una piattaforma.  All’interno dell’area, delimitata su due lati da 14 palme interrate, erano state realizzate altresì alcune zone d’ombra mediante il posizionamento di 6 pali di legno sovrastati da struttura metallica e copertura con foglie di palma. I militari dopo aver accertato che per l’occupazione, ricadente in area sottoposta a vincolo paesaggistico, non era stata rilasciata alcuna autorizzazione da parte del competente Ufficio Demanio del Comune di Curinga, hanno deferito il responsabile all’Autorità Giudiziaria e sottoposto a sequestro l’area e le opere. 
L’attività condotta dalla Guardia Costiera di Vibo Valentia si inserisce nella cornice più ampia dell’operazione nazionale Mare Sicuro organizzata dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera e coordinata, a livello regionale, dalla Direzione Marittima di Reggio Calabria al fine di garantire una stagione tranquilla a bagnanti e diportisti ed assicurare la libera fruizione degli arenili da parte dei cittadini.
 




ULTIMISSIME