Venerdi, 13 dicembre 2019 ore 15:13  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
CRONACA

Finiscono in strada i rifiuti accatastati vicino la curia, e nel passaggio delle auto gli stessi vengono così sparsi anche lungo l’asfalto

Spariti i bidoni stradali con la differenziata porta a porta rimane l’inciviltà

Finiscono-in-strada-i-rifiuti-accatastati-vicino-la-curia-e-nel-passaggio-delle-auto-gli-stessi-vengono-cos-sparsi-anche-lungo-lasfalto
Martedì 13 Agosto 2019 - 9:0

Spariti i bidoni stradali con la differenziata porta a porta rimane l’inciviltà: finiscono in strada i rifiuti accatastati vicino la curia, e nel passaggio delle auto gli stessi vengono così sparsi anche lungo l’asfalto da parte degli automobilisti meno abili nel fare la gincana.
Scene già viste in altre zone della città, specie in periodo di emergenza rifiuti (cicliche e ricorsive con i guasti all’impianto di San Pietro Lametino), che con il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti sarebbero dovute andare diminuendo. Invece, al netto dei problemi organizzativi di Comune e Multiservizi (il cronoprogramma della copertura della città prevede entro fine anno l’ampliamento a quasi tutto il territorio lametino della raccolta differenziata, ma già le nuove zone che dovevano essere avviate a giugno son partite solo a fine luglio), da un lato si continua a registrare l’indolenza da parte di chi continua a depositare sacchetti di rifiuti indifferenziati dove prima si trovavano i cassonetti stradali, dall’altro esiste una fascia di popolazione che non ha provveduto a ritirare i mastelli o non trovandosi in regola non avrebbe potuto. Altro discorso è poi quello della spazzatura “da asporto”, ovvero prodotta altrove e poi conferita in altra zona differente da quella di domicilio, ma questo vale tanto per sacchetti che rifiuti ingombranti e rientra in casi di diversa sensibilità ed educazione.
Per contrastare tali fenomeni c’è chi chiede un maggiore controllo da parte di polizia locale e Multiservizi, il che richiederebbe però un numero di personale di molto superiore a quello attuale, o l’uso delle telecamere, le quali hanno sempre un costo e nell’ultimo piano delle opere pubbliche la terna commissariale a cancellato l’intervento relativo al potenziamento della videosorveglianza comunale senza che nessuno abbia avanzato osservazioni o contestazioni per via istituzionali.
Gi.Ga.
 




ULTIMISSIME