Venerdi, 20 settembre 2019 ore 15:52  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
INPROVINCIA

«A Soveria Mannelli dalle 14 alle 07 dell’indomani non esiste il pronto soccorso, per come tale in una lasso di tempo di 18 ore»

Nuovo campanello d’allarme secondo il Comitato Pro Ospedale del Reventino nel nosocomio di Soveria Mannelli

A-Soveria-Mannelli-dalle-14-alle-07-dellindomani-non-esiste-il-pronto-soccorso-per-come-tale-in-una-lasso-di-tempo-di-18-ore
Sabato 17 Agosto 2019 - 20:25

Nuovo campanello d’allarme secondo il Comitato Pro Ospedale del Reventino nel nosocomio di Soveria Mannelli, sottolineando che «il Laboratorio Analisi è privo di una figura medica, non sostituita e nemmeno rimpiazzata da personale in forza all’ospedale di Lamezia Terme» e lamentando che «non sappiamo con chi dialogare visto che l’Azienda è priva del Direttore Generale, quindi invieremo quanto sulla Pec del DS, Antonio Gallucci».
Inoltre «alle 2 unità tecniche pare non sia stato rinnovato il contratto e quindi il laboratorio apre alle 7 e chiude alle 14, un po’ come il catasto, o come la camera di commercio. Quindi i pazienti che arrivano al pronto soccorso: non possono fare gli esami al laboratorio; devono attendere che una navetta arrivi da Lamezia, circa 40 minuti; che la navetta torni a Lamezia, circa 40 minuti;
che a Lamezia lavorino il prelievo e diano il risultato, tempo medio per le troponine 30 min; per avere l’esito si può attendere anche 1 ore e mezza o 2, a seconda del tipo di esame; i medici del Pronto Soccorso, a questo punto consigliano ai pazienti di andare direttamente a Lamezia, per i casi dubbi»
Secondo il comitato «a Soveria Mannelli dalle 14 alle 07 dell’indomani non esiste il pronto soccorso, per come tale in una lasso di tempo di 18 ore», rimarcando come «aveva interessato la magistratura lametina attraverso un esposto, che a questo punto sarà ritrasmesso, spiegando le conseguenze di cui sopra. Inoltre informeremo i deputati del Movimento Cinque Stelle Nesci e D’Ippolito, a cui ci lega un reale rapporto di condivisone dei problemi sanitari di questo comprensorio», anche se il decreto Calabria continua a non dare risposte alla sanità calabrese.
g.g.




ULTIMISSIME