Domenica, 22 settembre 2019 ore 06:25  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Mario Magno chiama in causa il presidente Oliverio sulle incongruenze del servizio infopoint in aeroporto

Se non fosse stato per un goliardico cartello di un utente, nessuna forza politica si era ancora accorta che da mesi l’infopoint degli scali aeroportuali di Lamezia Terme e Reggio Calabria erano senza personale.

Mario-Magno-chiama-in-causa-il-presidente-Oliverio-sulle-incongruenze-del-servizio-infopoint-in-aeroporto
Mercoledì 21 Agosto 2019 - 13:5

Se non fosse stato per un goliardico cartello di un utente, nessuna forza politica si era ancora accorta che da mesi l’infopoint degli scali aeroportuali di Lamezia Terme e Reggio Calabria erano senza personale.
Nel mentre, postume, arrivano le polemiche dopo che il servizio è stato coperto in modo differente e la Pro Loco ha chiamato in causa la Procura per fare chiarezza sulla vicenda. Mario Magno, presidente del Movimento Legalità e Riscatto, sostiene che «quello che ci lascia stupiti è il comportamento del presidente Oliverio il quale, venuto a conoscenza delle divergenze sorte tra il dipartimento Turismo e la Sacal, preferisce far finta di nulla. Atteggiamento irresponsabile in quanto il presidente della Regione ha tutti gli strumenti per verificare e chiarire all'opinione pubblica quanto accaduto. É normale che il dipartimento Turismo chieda la revoca di un bando senza alcuna motivazione a supporto della richiesta? È possibile che la Sacal, tra le più importanti aziende calabresi, per altro guidata da un Prefetto, chieda chiarimenti senza ottenere risposta? É possibile che tanti volontari di altissima professionalità ed esperienza nel settore vengano sostituiti non si sa da chi, con quali competenze e senza un minimo di trasparenza? Chiedo pubblicamente al governatore della Regione – è la sollecitazione di Mario  Magno – di accertarsi se corrisponde al vero che la legge 8 del 2008 all'art. 14 indica i soggetti deputati a svolgere questo servizio, mentre il dipartimento non ne ha tenuto conto. Ci troviamo di fronte a troppe incongruenze che meritano una risposta chiara e responsabile. La legalità, tanto decantata dal governatore, si persegue con i fatti e non a parole». 
 




ULTIMISSIME