Sabato, 14 dicembre 2019 ore 12:19  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
ARTE E CULTURA

Domenica Sant’Antonio al santuario mariano di Dipodi

Alle 15.30, ci sarà un momento dedicato alle confessioni e alle 16.30 la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo di Lamezia Terme, Giuseppe Schillaci.

Domenica-SantAntonio-al-santuario-mariano-di-Dipodi
Giovedì 21 Novembre 2019 - 11:50

Un evento storico, di fede e devozione, che mette al centro la tradizione e i valori della nostra comunità lametina. Domenica la statua di Sant’Antonio di Padova sarà portata al santuario mariano di Dipodi. L’arrivo della sacra effige del santo padovano, accompagnata dagli statuari guidati dal guardiano del convento di Sant’Antonio fra Bruno Macrì, è previsto per le 11.30 alla cosiddetta “Cona” di Dipodi. Da lì avrà inizio la processione verso il santuario dove alle 12 avrà inizio la liturgia penitenziale. Alle 15.30, ci sarà un momento dedicato alle confessioni e alle 16.30 la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo di Lamezia Terme, Giuseppe Schillaci.
L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle celebrazioni giubilari del santuario di Dipodi, in occasione del primo millenario del Santuario mariano della Diocesi lametina. Risalgono, infatti, al 1020 alcune delle prime testimonianze relative al luogo di culto che oggi è sicuramente uno dei santuari mariani più antichi della Calabria, prima cenobio agostiniano, poi Chiesa affidata al clero secolare e oggi santuario diocesano che attira numerosi fedeli da diverse parti della Calabria, in particolare durante il mese di agosto.
Un’occasione, per il rettore del santuario mariano don Antonio Astorino, «che vuole essere un momento di preghiera e di crescita nella fede per la nostra comunità diocesana, sotto lo sguardo di Maria e di Antonio da Padova, che ha amato tanto la Vergine Maria.  La venuta di Sant’Antonio nel nostro santuario mariano, in questo anno di grazia del millenario, rafforza la comunione e la collaborazione fraterna che da diversi anni portiamo avanti tra i nostri santuario diocesani, dove durante tutto l’anno i fedeli possono trovare ristoro, momenti di preghiera e occasioni per incontrare il Signore e sperimentare la sua misericordia».
 




ULTIMISSIME